rotate-mobile
Sicurezza

Morti bianche: FenealUil interviene sulla sicurezza sui luoghi di lavoro

Segretaria generale Senese: “Necessaria massima sinergia tra istituzioni. Il Governo accetti le proposte del sindacato”

Materia delicata e complessa quella della sicurezza sui luoghi di lavoro. Sull’argomento interviene Maria Elena Senese segretaria generale FenealUil Calabria.

“Per realizzare l’auspicato azzeramento delle morti bianche è necessaria la massima sinergia fra le istituzioni interessate. C’è bisogno che il Governo faccia la sua parte, accettando le proposte che il sindacato ha avanzato in maniera unitaria. Così come c’è bisogno che la Regione riconosca la necessità di un non più rinviabile potenziamento della pianta organica degli ispettori in forza alle Aziende sanitarie provinciali”.

“Le Asp, infatti, svolgono un ruolo importante nel garantire il rispetto di queste normative, in particolare per quanto riguarda la sicurezza e la salute dei lavoratori. In collaborazione con l’ispettorato del lavoro anche le Asp, in particolare con i servizi di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, possono condurre controlli, ispezioni e indagini sui luoghi di lavoro al fine di verificare il rispetto delle normative vigenti”.

“Procedere al potenziamento di queste strutture periferiche, come è facilmente intuibile –spiega Senese - vorrebbe dire allargare la platea ci colo i quali possono verificare il corretto andamento di un cantiere, aumentare il numero delle ispezioni e limitare gli incidenti. In questa materia, noi abbiamo le idee chiare e le nostre proposte le abbiamo già messe nero su bianco e girate a chi ci governa. Oggi vogliamo ribadirle”.
 
“È necessario, poi, rafforzare gli organi ispettivi ma occorre un ispettore dedicato al settore edile; così come è fondamentale la condivisione di una banca dati delle notifiche preliminari tra Cassa edile, Ispettorato e Asp e proprio sugli ispettori delle Asp chiediamo alla Regione di potenziare gli organici attuali”.

“Riteniamo indispensabile – afferma ancora la segretaria - procedere alla tracciabilità della formazione su piattaforma telematica per facilitare i compiti degli ispettori e porre un freno ai certificati falsi”.

“È necessario – conclude - anche agire sulla prevenzione, e lo si può fare sensibilizzando Ance a facilitare le visite tecniche in cantiere, predisposte dai nostri Enti edili. Queste ultime consentirebbero all’imprenditore edile di avere a disposizione, gratuitamente, un tecnico che potrà coadiuvarlo nell'individuare eventuali situazioni di rischio e predisporre le relative misure di prevenzione e protezione utili a tutelare la sicurezza fisica dei propri dipendenti e a evitare eventuali sanzioni a suo carico nonchéé probabili infortuni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti bianche: FenealUil interviene sulla sicurezza sui luoghi di lavoro

ReggioToday è in caricamento