rotate-mobile
Il protocollo

Accademia di belle arti: nuove esperienze lavorative per gli studenti

Un protocollo d’intesa con The sparkling diamonds ha consentito agli studenti del corso di scenografia di collaborare alla realizzazione di una commedia musicale in scena domani al Cilea

Nuovo progetto scaturito da un protocollo d’intesa tra dell'Accademia di belle arti di Reggio Calabria, diretta da Pietro Sacchetti e “The sparkling diamonds, centro studi musical calabria” della presidente della Katia Crucitti.

Il protocollo d’intesa ha permesso di fornire agli studenti del corso di scenografia, esperienze e strumenti nell’ambito della realizzazione scenica destinata alla realizzazione di uno spettacolo teatrale in uno spazio appositamente predisposto per tali eventi ma anche, di confrontarsi con il committente e risolvere problemi destinati alla tempistica e modalità di consegna del lavoro. 

Prezioso e come sempre attento e puntuale il professore Massimo Monorchio, responsabile dei rapporti con enti, aziende e associazioni che, in piena sinergia con l'AbaRc, ha curato un'esperienza formativa innovativa che unisce sapere e saper fare. 
L’Accademia di belle arti di Reggio Calabria con la Scuola di scenografia ha quindi, collaborato per la realizzazione di tutti gli elementi scenici della commedia musicale “Storia di un’Addams” liberamente ispirata a “La famiglia Addams” in scena domani sera al teatro "Francesco Cilea" con due spettacoli, matinée per le scuole e il serale.

Gli studenti della scuola di Scenografia coordinati e supportati dal professore Marco Perrella, si sono occupati della progettazione e realizzazione di tutti gli elementi scenici e saranno presenti alla rappresentazione per la messa in opera degli elementi realizzati e nella loro movimentazione durante il live. 

Hanno partecipato al progetto gli studenti Martina Punturieri, Denise Vaghini, Miriam Capitò, Domenico Ariganello, Gian Marco Pagano, Matilde Cozzolino, Ilenia De Gaetano, Annalisa Manfredi, Vanessa Pia Notarianni, Cinzia Deborah Palamara, Antonietta Pizzata, Liu Xiaumei. 

"L’unica risposta strutturale alla disoccupazione è la formazione, una scuola collegata con il mondo del lavoro - afferma il direttore Sacchetti -. Quotidianamente, il corpo docente dell'Accademia di belle arti segue ed orienta le aspirazioni degli studenti aprendo la propria didattica al mondo esterno ed economico". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accademia di belle arti: nuove esperienze lavorative per gli studenti

ReggioToday è in caricamento