rotate-mobile
La scelta

La Regione riprende in mano la cloche degli aeroporti calabresi

Raggiunto l'accordo fra la parte pubblica e quella privata che ha scelto di cedere il proprio pacchetto di azioni

La Regione Calabria, guidata dal presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto, e Lamezia Sviluppo comunicano di avere sottoscritto quest'oggi un'intesa per la cessione del pacchetto delle azioni nella Società aeroportuale calabrese (Sacal) che consente il passaggio del controllo dal socio privato alla Fincalabra, società in-house della Regione. Il trasferimento, spiega una nota, si perfezionerà fra quindici giorni circa, non appena espletati i passaggi obbligatori di legge e di statuto.

Le parti esprimono reciproca soddisfazione per il raggiungimento di un accordo dopo una lunga trattativa, avente come unico obiettivo la salvaguardia della società e dei suoi lavoratori, vista la situazione venutasi a creare nei mesi scorsi con l'ente di controllo Enac.

A fine dicembre l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) aveva comunicato a Sacal, gestore degli aeroporti calabresi Lamezia Terme, Crotone, Reggio Calabria), di ricollocare le quote societarie sul mercato attraverso una manifestazione d’interesse, pena il ritiro della concessione sugli scali regionali. Nelle scorse ore la società Lamezia Sviluppo ha accettato di ridurre la sua parte in Sacal, passando dal 51% al 29% delle quote societarie, cedute a Fincalabra. L’esito positivo della trattativa sul prezzo con la Regione pone così fine ad una storia complessa iniziata la scorsa estate.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione riprende in mano la cloche degli aeroporti calabresi

ReggioToday è in caricamento