rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Lotta alle cellule maligne

Sanità, Martino: "Car-t una svolta per la cura di alcuni tumori ematologici"

L'intervento di Massimo Martino, direttore dell'unità trapianto cellule staminali del Grande ospedale metropolitano, intervenuto oggi a Reggio Calabria in occasione dell'iniziativa dell' Ail

"Le Car-T rappresentano una svolta interessantissima per la cura di alcuni tumori ematologici. Per la prima volta siamo in grado di modificare il sistema di difesa immunitario del paziente che non riesce a combattere il tumore. Le terapie Car-T sono un vero e proprio farmaco vivente che viene somministrato al paziente e che in teoria potrebbe restare in circolo per tutta la sua vita o per tempi molto lunghi".

Così il direttore dell'Unità trapianto cellule staminali del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria Massimo Martino, intervenuto oggi a Reggio Calabria in occasione dell'iniziativa di Ail: Cart-T, destinazione futuro, momento di confronto sui risultati della terapia del trattamento delle malattie oncologiche e onco-ematologiche.

"La peculiarità del meccanismo d'azione delle Car-T - ha aggiunto - consiste nel fatto che esse sono terapie cellulari mirate e altamente personalizzate, che colpiscono uno specifico marcatore, e solo quello, e sono prodotte con i linfociti del singolo paziente. Le Car-T utilizzano le difese immunitarie del paziente che, risvegliate e armate, sono in grado di aggredire le cellule maligne".

"Le Car-t - ha ricordato - si sono rivelate efficaci per alcuni tumori del sangue che non rispondono più alle terapie convenzionali come i linfomi e le leucemie linfoblastiche acute che si sviluppano dai linfociti B, entrambe malattie linfoproliferative. I risultati al momento sono molto promettenti nel contesto della leucemia linfoblastica acuta del bambino e del giovane adulto, fino all'età di 25 anni e sono molto promettenti anche nei linfomi in pazienti fino all'età di 70 anni. Si prevedono prossimamente - ha concluso Martino - indicazioni anche per il mieloma multiplo e per il linfoma follicolare".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Martino: "Car-t una svolta per la cura di alcuni tumori ematologici"

ReggioToday è in caricamento