Attirano uomo per fare sesso e lo rapinano nel sottopasso della stazione:arrestate due donne

Il malcapitato è stato aggredito e immobilizzato da due complici che gli hanno puntato un coltello alla gola. A far scattare le manette, gli agenti delle volanti e i carabinieri

Il lungomare nei pressi della stazione Centrale

Due donne, una 58enne reggina e una 39enne di origine cubana, sono finite in manette, arrestate dai carabinieri e dagli agenti delle volanti, perchè responsabili in concorso del reato di rapina aggravata.

I fatti

Dopo aver attirato un uomo, con la promessa di una prestazione sessuale, le due donne lo hanno condotto in un sottopassaggio del centro cittadino, nei pressi della stazione ferroviaria.

Qui, due complici hanno aggredito e immobilizzato il malcapitato e dopo avergli puntato un coltello alla gola, si sono impossessati di un’ingente somma di denaro, per poi darsi alla fuga. 

L’uomo, tornato in strada, è riuscito a fermare una pattuglia dei carabinieri e una volante, che era stata già allertata da un passante che aveva assistito ai fatti e a cui aveva fornito immediatamente dettagli utili per individuare le due donne che sono state rintracciate a piazza Garibaldi, arrestate e accompagnate in Questura.

Su disposizione del magistrato di turno, sono state condotte in carcere e, al termine dell’interrogatorio di garanzia, è stata confermata la detenzione carceraria. Indagini in corso per individuare i complici coinvolti nella rapina. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La morte di Carlo Alberto non sarà vana: espianto salverà vita a bimba di 10 anni

  • E' il giorno del dolore, lacrime e applausi al funerale di Carlo: "Ha amato la vita fino all'ultimo"

  • Incidente a San Leo, morto il ragazzo gravemente ferito: donati gli organi

  • Rissa al Burger King sul corso Garibaldi, calci e pugni tra i tavolini dell'ex teatro Siracusa

  • Scacco alla potente 'ndrina degli Alvaro, arrestati boss e luogotenenenti: i nomi

  • Comunali, Maria Laura Tortorella è in campo per liberare Reggio: "Una città violentata"

Torna su
ReggioToday è in caricamento