rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
La protesta

Trasporti, il Pd non ci sta e protesta: "Ingiusti e inspiegabili i tagli operati dal governo con il blitz della Lega"

I componenti del gruppo in Consiglio regionale sono pronti a chiamare in causa il governatore Roberto Occhiuto

Nuovo incomprensibile taglio alle risorse destinate al Sud da parte del governo nazionale che continua a dare copertura alle azioni della Lega che palesemente vuole spaccare il Paese".

Ad affermarlo sono i consiglieri regionali del Pd dopo la rimodulazione delle risorse già stanziate per i trasporti che fanno diminuire di 2,5 miliardi il budget per le infrastrutture su rotaia per le Regioni meridionali, dirottandoli al Nord.

"Bene hanno fatto i deputati del Pd – prosegue la nota del gruppo dem di palazzo Campanella – a depositare un’interrogazione parlamentare per chiedere spiegazioni al governo e a stigmatizzare il blitz messo in atto dai ministri leghisti Salvini e Giorgetti. I nuovi tagli sono inaccettabili anche perché le risorse erano già destinate a completare infrastrutture fondamentali in tutto il Centro-Sud e, per quel che riguarda la Calabria, sarebbero stati utilizzati per il completamento dell’elettrificazione della tratta  Catanzaro Lido-Reggio Calabria. Opere che si attendono da anni e che adesso, per motivi non precisati, rischiano di essere nuovamente bloccate con i conseguenti danni per i cittadini".

"Salvini e la Lega farebbero meglio a rispondere concretamente su queste vicende e illustrare come si procederà a recuperare i finanziamenti decurtati – afferma ancora il gruppo dem – invece di agitare lo specchietto per le allodole costituito dal Ponte sullo Stretto, mentre proseguono il lavoro per l’Autonomia differenziata che avrebbe conseguenze disastrose per l’intero Mezzogiorno".

"Anche noi chiederemo al governo regionale  chiarimenti in merito a quanto avvenuto e, in particolare, per quel che riguarda la Calabria - concludono i consiglieri regionali del Pd - rivolgendo anche il nostro appello al presidente Occhiuto affinché si attivi per evitare un’ulteriore beffa, visti i ritardi già accumulati per il completamento dell’elettrificazione della tratta  Catanzaro Lido-Reggio Calabria. Lavori che, secondo quanto stabilito da un precedente accordo con Rfi firmato dal governo regionale allora guidato dal centrosinistra, dovevano essere ultimati entro il 2023".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, il Pd non ci sta e protesta: "Ingiusti e inspiegabili i tagli operati dal governo con il blitz della Lega"

ReggioToday è in caricamento