rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Dopo la sentenza Miramare in Appello

Cannizzaro: "Falcomatà deve avere il coraggio di mettersi da parte"

L'onorevole di Forza Italia fa un appello ai reggini affinché facciano sentire la loro voce

Dopo la sentenza Miramare in Corte d'Appello che ha condannato Giuseppe Falcomatà, sindaco già sospeso, ecco che adesso interviene sulla vicenda anche l'onorevole di Forza Italia Francesco Cannizzaro. 

"La Severino è una legge da rivedere. Così come alcuni aspetti dell’abuso d’ufficio. Su questo, adesso, siamo tutti d’accordo. Anche se anni fa non fu esattamente così. Ma lo sappiamo, la Sinistra - afferma Cannizzaro -  tende a essere “giusta” solo quando le cose accadono dalle sue parti, altrimenti è solo severa, non giusta. Noi invece, coerenti e garantisti sempre, condanniamo fermamente, oggi più che mai, una legge che mette quotidianamente a repentaglio l’attività di sindaci ed amministratori locali. Anche quando sindaci e amministratori sono di partiti opposti a noi. Pertanto, auspico che il nuovo Governo possa rivedere presto questi aspetti".

"Andando però ben al di là delle beghe tra correnti politiche, la questione qui non riguarda solo l’esasperazione di un reato o gli effetti giusti/sbagliati di una legge. La questione è più delicata, più complicata, più generale. Perché qui si tratta dalla vita o della morte di un’intera Città e, di conseguenza, della correlata Provincia. Che è qualcosa di più della resistenza a cui fa appello Giuseppe Falcomatà. Reggio non ha di che resistere. La resistenza per come la interpreta il sindaco eletto, va chiamata per quello che è: egoismo. Personale e politico. Non c’è altro modo per definirla. La vera resistenza la sta facendo lui che, contro la volontà della stragrande maggioranza dei reggini, detiene le chiavi di una città imprigionata al volere di pochi, pochissimi. Ecco perché Falcomatà non può lanciare appelli di quel genere... Proprio lui che, invece, ha una responsabilità immane (diretta e indiretta) rispetto al disastro generale in cui versa oggi una delle città più belle d’Italia. Potenzialmente. Il reato, discutibile o no, c’è. La legge, discutibile o no, è in vigore. Di conseguenza lui è impossibilitato ad esercitare il ruolo. Perché costringere i cittadini, per un altro anno (o magari di più, visto che arriverà anche il giudizio in Cassazione), a sopportare questo stato di abbandono e degrado totale?! Mollando la presa dimostrerebbe piuttosto un’altezza istituzionale straordinaria, riconsegnando le chiavi di Reggio ai reggini, restituendo davvero potere decisionale ai cittadini". 

"Reggio Calabria è allo stremo. E non è certo colpa della Severino, dell’abuso d’ufficio contestato nel caso Miramare o dei brogli elettorali. Fatti gravissimi, ovviamente, - sostiene Cannizzaro - ma che sono piccoli squarci se messi a confronto con l’enorme voragine rappresentata dall’incapacità amministrativa che le giunte del primo e del secondo tempo targato Falcomatà hanno palesato. Non me ne voglia nessuno dei sindaci, degli assessori, dei delegati, contro cui personalmente non ho nulla, né tanto meno il partito e la coalizione che rappresento. Quelle dell’attuale Amministrazione, tutte brave persone prese una ad una, tuttavia incapaci di gestire un Comune come Reggio ed annessa Città Metropolitana. Non è l’essere brave persone a fare di per sé un buon governo. Ecco perché il mio, di appello, è a non appigliarsi al comma della legge, all’interpretazione della condotta, o alla “resistenza dei cittadini”, cosa improponibile e pure offensiva... le cose a cui mi appello ed a cui dovrebbe appellarsi ogni singolo reggino sono l’onestà intellettuale, la responsabilità, una presa di coscienza vera".

"Reggio, proprio adesso, ha bisogno di un loro gesto d’amore dei suoi amministratori. Il coraggio di gettare la spugna - presegue il deputato azzurro - a volte vale più di restare in piedi 12 round per poi crollare comunque al tappeto. Perché i pugni li stanno prendendo i reggini, non loro. Loro però, in questo momento, sono padroni di scegliere per i reggini, per tutti coloro i quali vedono in Reggio Calabria un potenziale straordinario ma inespresso. E che l’hanno vista sempre indietreggiare, dal primo giorno di commissariamento ad oggi. Nemmeno l’ordinario funziona, nessun indicatore sociale segna normalità. Non si può negare l’evidenza! Il Sindaco, deve mollare la presa, costi quel costi, per amore della Città, della Democrazia, della Libertà. Non è questione di Severino o non Severino... qui si tratta di avere il coraggio di mettersi da parte, a prescindere! È la città che lo chiede, non la politica. Farebbe l’unica scelta saggia". 

"Invito, quindi, ogni cittadino di Reggio a far sentire la propria voce, - conclude Cannizzaro - in maniera civile però forte (molto forte!), senza limitarsi alle chiacchiere al bar, agli articoli di sfogo, alle lettere anonime, ai post sui social o, ancora peggio, alla rassegnazione. Magari con un atto dimostrativo palese che, una volta per tutte, faccia rendere conto agli inquilini di Palazzo San Giorgio e Palazzo Alvaro che è il momento di fermarsi. Il CentroDestra farà sicuramente la sua parte affinché ciò avvenga. Perché andare avanti per inerzia è solo altamente nocivo. Reggio, ora, ha bisogno di tutti noi. Ciascuno può fare il suo. Basta volerlo!".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cannizzaro: "Falcomatà deve avere il coraggio di mettersi da parte"

ReggioToday è in caricamento