Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Cultura, tradizione e bellezza: la Metrocity scommette sull'area Grecanica

Il sindaco Falcomatà: "Mettiamo a sistema il nostro straordinario patrimonio". Il tour grecanico è servito anche ad accendere un focus sul fronte dell’edilizia scolastica con il sopralluogo al cantiere del nuovo istituto Alberghiero di Condofuri

Condividere con amministratori, cittadini e realtà produttive delle comunità locali le problematiche, le prospettive e gli indirizzi programmatici per la crescita e lo sviluppo. Con queste finalità, una delegazione della Città metropolitana, guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà, ha effettuato sul versante ionico una serie di sopralluoghi nell'area Grecanica. 

Agli incontri, insieme al primo cittadino, hanno presenziato anche il vicesindaco metropolitano, Armando Neri, i consiglieri metropolitani delegati Carmelo Versace e Domenico Mantegna e i sindaci di Roghudi, Pierpaolo Zavettieri, anche nella sua qualità di presidente dell'associazione dei sindaci dell'area, di Montebello Ionico, Maria Foti, di Brancaleone, Silvestro Garoffolo, di Staiti, Giovanna Pellicanò, di Bova Superiore, Santo Casile, di Condofuri, Tommaso Iaria e di Bova Marina, Saverio Zavettieri.

"Con i sindaci e gli amministratori del territorio metropolitano c’è un dialogo e un confronto costante - ha spiegato il sindaco Falcomatà al termine del lungo tour, nella riunione ospitata nel Municipio di Bova Marina - sulle opportunità e risorse di cui disporremo, specie nel quadro del Recovery Fund e più in generale sul ruolo stesso che la Città metropolitana deve avere in questa importante e cruciale fase in termini di programmazione degli interventi.

Falcomata incontro Bova-2

È però fondamentale che il nostro territorio e ogni singola comunità adotti un approccio di lavoro radicalmente diverso dal passato, guardando alla condivisione delle scelte e rafforzando la capacità di cooperare entro una logica di sistema. Disponiamo di un patrimonio culturale, naturale, storico e paesaggistico di immenso valore e in alcuni casi addirittura quasi sconosciuto, ma occorre un cambio di passo concreto affinché tutto ciò si traduca in benessere e crescita. Dal governo centrale – ha poi concluso Falcomatà - manca ancora un cronoprogramma chiaro, ma sappiamo già che il nuovo corso legato alle risorse comunitarie imporrà tempi strettissimi e una efficace progettualità che, su temi strategici, penso alla sanità o alle infrastrutture, dovrà farci trovare pronti".

Tanti i temi affrontati nel corso dei sopralluoghi, a cominciare dalla tutela dell’ambiente e dal contrasto al rischio idrogeologico nel territorio di Montebello Ionico. Qui i rappresentanti di palazzo Alvaro hanno analizzato lo stato dell’arte dei cosiddetti “torrentelli” con riferimento alle necessarie operazioni di bonifica degli alvei di questi piccoli corsi d'acqua che attraversano il centro abitato.

Le potenzialità del comprensorio grecanico, sotto i profili produttivi e turistico culturali, hanno caratterizzato i successivi incontri nel territorio di Brancaleone dove insistono diverse realtà produttive del settore agricolo, in particolare della trasformazione del bergamotto, con le quali sono state messe in evidenza le opportunità del comparto agroalimentare in termini di rilancio economico e occupazionale. Significativa, inoltre, anche la tappa al centro di recupero per tartarughe marine di Brancaleone, impegnato dal 2006 in una importante opera di soccorso, cura e riabilitazione di queste specie animale su tutto il territorio regionale.

Santa Maria de Tridetti-2Particolarmente suggestiva la visita all'abbazia di Santa Maria de' Tridetti, situata in contrada Badia a poca distanza dal borgo grecanico di Staiti e dichiarata monumento nazionale. Autentico gioiello di interesse storico e artistico il sito di epoca Normanna risale all'XI secolo ed è uno degli importanti tesori del territorio metropolitano. Ricco di fascino anche il borgo di Bova Superiore che negli ultimi anni ha investito con grande determinazione su ricettività, turismo sostenibile e valorizzazione dei propri attrattori come l’importante museo “Gerhard Rohlfs” nato con il preciso obiettivo di tutelare il patrimonio culturale della minoranza storico-linguistica dei Greci di Calabria.

La delegazione metropolitana ha poi fatto visita anche alla sinagoga di Bova Marina situata all’interno del parco archeologico “Archeoderi” ed elemento d’eccellenza del patrimonio culturale reggino. Il tour grecanico è servito anche ad accendere un focus sul fronte dell’edilizia scolastica con il sopralluogo al cantiere del nuovo istituto Alberghiero di Condofuri, importante a attesa opera in via di completamento".

Falcomata area archeologica bova-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura, tradizione e bellezza: la Metrocity scommette sull'area Grecanica

ReggioToday è in caricamento