rotate-mobile
Cronaca

Emergenza coronavirus, stato di agitazione sul cantiere reggino dell'A2

I vertici territoriali di Fillea Cgil e FenealUil invitano l'Anas e l'azienda appaltatrice al rispetto delle norme previste dal decreto del governo per il contenimento dei contagi, i sindacati non chiudono al confronto

I lavoratori impegnati nel cantiere di ammodernamento del tratto reggino dell’Autostrada del mediterraneo hanno proclamato lo stato di agitazione. Lo hanno fatto attraverso i rappresentanti sindacali territoriali della Fillea Cgil, Fabio Minervino e della FenealUil di Reggio Calabria, Gaetano Tomaselli. 

Le motivazioni della protesta sono riconducibili all’emergenza coronavirus e al denunciato mancato rispetto delle regole previste nel decreto del governo. “Avendo riscontrato - si legge in una lettera inviata dai sindacalisti all’Anas e all’azienda che si sta occupando dei lavori - che sul cantiere non vige alcun rispetto delle normative sanitarie previste dal Governo per l’emergenza coronavirus”.

I rappresentanti di Fillea e Fenealuil, comunicando lo stato di agitazione e annunciando nuove forme di protesta, chiedono: la sanificazione dei locali, il rispetto delle distanze di sicurezza, l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, turni e carichi di lavoro compatibili con l’emergenza sanitaria.

“Se l’azienda - scrivono Minervino e Tomaselli - non dovesse riuscire ad ottemperare a tali disposizioni e fosse necessaria una riduzione modulata delle attività lavorative, le federazioni sono disponibili al confronto sull’utilizzo degli ammortizzatori sociali legislativamente disponibili”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza coronavirus, stato di agitazione sul cantiere reggino dell'A2

ReggioToday è in caricamento