Covid, Spirlì barricadero sulla sentenza del Tar: "Ci opporremo! Per noi, tutti a casa"

Per il presidente facente funzioni della Regione si tratta di: "Una decisione presa in maniera leggera" davanti al ritorno della Calabria in zona arancione da lunedì

Nino Spirlì

"Il Tar manda i più piccoli a scuola e lascia a casa gli studenti delle superiori. Ci opporremo! Per noi, tutti a casa, in sicurezza e in Dad". Così in un post su Facebook il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, dopo la sentenza del Tar che ha in parte annullato l'ordinanza che prevedeva il prolungamento della chiusura delle scuole fino al 15 gennaio per elementari e medie e fino al 31 per le superiori.

"E' una decisione presa in maniera leggera, mi auguro che nessuno faccia finta di non sapere che da lunedì la Calabria sarà in zona arancione ", aggiunge poi in una diretta sul social.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • Controlli anti Coronavirus, 30 persone in un bar del centro: attività chiusa e sei multe

Torna su
ReggioToday è in caricamento