Cronaca

Rinnovo servizio Idroreghion, monta la preoccupazione tra i 52 dipendenti

Dal mese di giugno del 2016 la società che si occupa della depurazione cittadina è in amministrazione giudiziaria. Indetto un tavolo tecnico in Prefettura

Una recente protesta dei lavoratori (foto archivio)

Cresce la preoccupazione tra i 52 dipendenti della Idroreghion, la società che si occupa della depurazione a Reggio Calabria. Oggi scade la proroga del servizio ed in Prefettura è stato indetto un tavolo tecnico, alla presenza delle sigle sindacali, Comune e società, per trovare una soluzione che porti ad un successivo rinnovo. Dal mese di giugno del 2016 l'Idroreghion è in amministrazione giudiziaria.

L'indirizzo politico del Comune di Reggio Calabria è quello del passaggio del ramo aziendale per il servizio di depurazione all'attuale società comunale di servizi Castore che dovrebbe assorbire anche il personale tecnico ed operativo. Secondo quanto appreso dall'agenzia Dire il ritardo nella consegna della perizia aziendale, di circa 1 milione di euro, ha rallentato le procedure del passaggio.

"La nostra situazione di precarietà va avanti dal 2000" hanno detto alcuni lavoratori presenti in presidio davanti alla Prefettura di Reggio Calabria, "qualcuno di noi - hanno aggiunto - nel frattempo è diventato anche nonno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinnovo servizio Idroreghion, monta la preoccupazione tra i 52 dipendenti

ReggioToday è in caricamento