rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Il fatto di cronaca

Latitante tenta di scappare due volte all'arresto, fermato dopo un inseguimento

Gli agenti della Squadra mobile sono stati costretti anche a sparare alcuni colpi di pistola in aria per fermare la fuga del 35enne Federico Putortì, sul giovane pendevano due mandati di cattura europei emessi dalla Romania per traffico di droga e dalla Germania per appropriazione indebita

Non  è stato facile stringere le manette ai polsi di Federico Putortì, il ricercato 35enne che, come scrive l'Ansa, è stato arrestato dopo un lungo inseguimento nel corso del quale gli agenti sono stati costretti ad esplodere in aria anche alcuni colpi d’arma da fuoco. Il giovane, infatti, dopo essere stato rintracciato ed arrestato dagli uomini della Squadra mobile, lamentando un forte dolore al braccio, si è fatto accompagnare in ospedale e lì, quando era senza manette per la visita, ha provato una nuova fuga.

Originario della città dello Stretto, ma di fatto residente a Brescia, dall’agosto 2021 Putortì deve scontare una condanna definitiva, rimediata in Lombardia, a due anni di carcere per reati fallimentari, falso e resistenza a pubblico ufficiale. Sulla sua testa pendevano, inoltre, due mandati di cattura europei emessi dalla Romania per traffico di droga e dalla Germania per appropriazione indebita.

Una segnalazione dell’Interpol, che aveva individuato un numero di cellulare di interesse investigativo secondo cui il latitante si stava nascondendo a Reggio Calabria, è stata poi sviluppata dalla Squadra mobile, coordinata dal questore Bruno Megale e diretta dal dirigente Alfonso Iadevaia.

Gli accertamenti sulle celle telefoniche hanno, infatti, dato esito positivo e Federico Putortì è stato localizzato lunedì pomeriggio al centro storico. Visti gli agenti il ricercato ha tentato di darsi alla fuga ma è stato subito bloccato dalla polizia che lo ha trovato in possesso di documenti d’identità falsi intestati a un cittadino romeno. Informata la procura ed espletate le varie formalità in questura, prima di essere trasferito in carcere, Putortì ha lamentato dolori al braccio.

Accompagnato in ospedale è riuscito a scappare strattonando i poliziotti che gli avevano tolto le manette per consentire ai medici di visitarlo. La sua fuga, però, è durata meno di 24 ore: le ricerche si sono concentrate sul rione Marconi dove risiedevano alcuni parenti e Putortì è stato sorpreso mentre andava a trovarli. Anche in questo caso il trentacinquenne ha tentato di sfuggire all’arresto.

Dopo un inseguimento alcuni colpi di pistola sparati in aria, il latitante si è fermato ed è stato immobilizzato dagli agenti della squadra mobile. Il suo nome compare anche in alcune inchieste della Dda di Milano perché il padre era in contatto con esponenti di primo piano della ‘ndrangheta reggina.

Accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale dovrà scontare due anni di carcere inflittigli dal Tribunale di Brescia dopo che gli sono stati notificati anche i due mandati di arresto europei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante tenta di scappare due volte all'arresto, fermato dopo un inseguimento

ReggioToday è in caricamento