rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Palazzo San Giorgio

Processo Miramare mancata costituzione parte civile, il centro destra attacca

Si è svolta la riunione della commissione Controllo e garanzia. Ripepi: “La maggioranza dica da che parte sta”

Si è tenuta stamattina la riunione della commissione Controllo e garanzia convocata dal presidente Massimo Ripepi "per votare sulla relazione conclusiva, dove risultano acquisiti documenti e contributi, dichiarati in commissione, sulla mancata costituzione di parte civile del Comune nel processo Miramare", affermano i consiglieri di Centrodestra in una nota. 

"Il documento della minoranza consiliare è una pesantissima ma obiettiva lettura degli atti e sarà inoltrato a diverse autorità (procuratore della Repubblica, ministro degli Interni, prefetto, presidente Anac, procuratore regionale della Corte dei Conti, presidente della Corte dei Conti Calabria), perché accertino responsabilità ed assumano solleciti e drastici provvedimenti. 

La maggioranza consiliare presente ai lavori della Commissione, preso atto della relazione conclusiva, firmata dai consiglieri di minoranza, che hanno dato prova di determinazione e solida compattezza, si è immediatamente dematerializzata con l'improvviso abbandono della seduta: nulla di più di un espediente per fare mancare il numero legale, che comunque tradisce il tangibile disorientamento delle truppe a sostegno dell'amministrazione ancora in carica. 

Il solo consigliere Carmelo Versace non ha perso la calma: rimasto al proprio posto, ha eccepito la intempestiva convocazione della riunione, che il presidente Ripepi ha già nuovamente convocato per il prossimo martedì 4 aprile". 

I consiglieri di opposizione così commentano l'accaduto: "Al di là dei formalismi procedurali, il dato politico è impressionante, perché consegna all'opinione pubblica cittadina il fuggi fuggi generale di chi dovrebbe assumersi le proprie responsabilità, nell'interesse generale, e che continua invece a rendersi funzionale al mantenimento di interessi di pochi".

Il presidente Ripepi, dal suo canto, si è così espresso: "Ringrazio i colleghi di opposizione per il qualificato ed intelligente impegno di questi mesi, che porterà, Martedì prossimo,  un contributo di chiarezza e trasparenza. L’obiettivo è che tutti a Reggio possano sapere se i “topi”che oggi sono scappati dalla nave che affonda decideranno, con rinnovato senso di responsabilità, di denunciare i gravissimi fatti emersi dall'indagine consiliare, prendendone le distanze, e dichiarandosi pronti a collaborare con le altre Istituzioni; oppure, al contrario, se assumeranno condotte fiancheggiatrici e di copertura".

"In conclusione - dichiara Massimo Ripepi - ritorna prepotentemente attuale il pensiero di Abramo Lincoln, già in passato approssimativamente citato dal sindaco sospeso: potete ingannare tutti per qualche tempo e alcuni per tutto il tempo, ma non potete ingannare tutti per tutto il tempo"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Miramare mancata costituzione parte civile, il centro destra attacca

ReggioToday è in caricamento