rotate-mobile
L'iniziativa

Corteo di protesta popolare "Reggio è morta": le adesioni

La manifestazione senza sigle di partito si svolgerà sabato 3 dicembre, con partenza alle ore 17 da Piazza De Nava

Tutto pronto per il corteo di protesta popolare "Non ne possiamo più, Reggio è morta" che si svolgerà, dopo il rinvio della settimana scorsa a causa del maltempo, sabato 3 dicembre, con partenza alle ore 17 da Piazza De Nava.

Sono in crescita le adesioni alla manifestazione, alla quale prenderà parte anche il Comitato quartiere Centro Storico Giuseppe De Nava. "Lo rendiamo noto - si legge in una nota - perché riteniamo fondamentale la partecipazione diffusa da parte della società civile, di associazioni, di intere categorie. Siamo stanchi di questa Amministrazione comunale (nessuno escluso) allo stesso modo siamo stanchi della gente che si lamenta e basta.

E' tempo di far sentire forte la voce del popolo. Invitiamo quindi tutti i cittadini a partecipare attivamente per dare un segno tangibile del dissenso che la gente comune prova verso chi oggi e da oltre 7 anni amministra (male, malissimo!) Reggio Calabria. Non si può più restare a guardare. No alle proteste a chiacchiere, scendiamo in piazza! #salviAMOreggio".

In piazza ci sarà anche l'associazione culturale "Da Domani". "Riteniamo fondamentale - afferma il presidente, ing. Giuseppe Andrea Maiolo - la partecipazione diffusa da parte della società civile, delle associazioni, di intere categorie. Siamo stanchi di questa situazione reggina ed allo stesso modo siamo stanchi della gente che si lamenta e basta.

Scopo di “Da Domani” è sempre stato quello di promuovere attività socioculturali e in questo contesto è diventato persino un’impresa organizzare un evento di promozione culturale. Neanche per il Santo Natale si è voluto dare luogo ad un’attività per la valorizzazione della Villa Comunale, per dare gioia alle famiglie e, soprattutto, ai bambini. È tempo di far sentire forte la voce del popolo. Invitiamo quindi tutti i cittadini a partecipare attivamente per dare un segno tangibile del dissenso che la gente comune prova perché vessata da un’istituzione inesistente. Non si può più restare a guardare. No alle proteste a chiacchiere, scendiamo in piazza! #salviAMOreggio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo di protesta popolare "Reggio è morta": le adesioni

ReggioToday è in caricamento