rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Palazzo San Giorgio / Mosorrofa

"Mosorrofa abbandonata", la protesta degli abitanti entra in Aula

Il comitato di quartiere, dopo mesi di attesa, ha deciso di presenziare al Consiglio comunale per "rompere il muro di invisibilità nel quale questa giunta comunale ci ha relegati"

Ancora una volta fanno sentire la loro voce i cittadini di Mosorrofa, che da mesi chiedono più attenzione e risposte certe per il territorio. Questa volta hanno scelto di tornare a piazza Italia ma non di restare fuori dal palazzo. Questa volta hanno scelto di protestare in Consiglio comunale, riunito in seduta assembleare. Una protesta pacifica e silenziosa, ma non muta, infatti, i cittadini di Mosorrofa hanno affidato le loro parole ad una maglietta bianca con una scritta: “Mosorrofa Abbandonata”.

E poi i cartelli: "L'acqua non è solo un diritto, è vita" "La pazienza è finita! Ora basta". Da tempo Pasquale Andidero, presidente del Comitato di quartiere, ripete che "Mosorrofa è al collasso". Ci sono disagi cronici: "acqua, viabiità,  decoro urbano, pulizia, illuminazione, vita sociale, servizi alla collettività; qualunque di questi ambiti menzionati valutato in una scala da 1 a 10 non supererebbe il 2. La cittadinanza mosorrofana sente il bisogno di comunicare a tutta la città il degrado nel quale bambini, ragazzi e giovani sono costretti a crescere, la tristezza e la rabbia di adulti e anziani di nobili origini contadine che si vedono abbandonati e impotenti".

Così dopo l'iniziativa in piazza Italia a giugno e prima ancora la raccolta di fimre per una missiva di richiesta di incontro al prefetto, ecco che adesso sono entrati in aula, "per rompere il muro di invisibilità nel quale questa giunta comunale ci ha relegati" e questa volta gli abitanti di Mosorrofa vogliono risposte concrete dall'amministrazione comunale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mosorrofa abbandonata", la protesta degli abitanti entra in Aula

ReggioToday è in caricamento