menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
da sinistra Maiolino, Milia e Caridi

da sinistra Maiolino, Milia e Caridi

Verso il 25 aprile, i consiglieri di FI: "210 mila euro per due murales forse sono un pò troppi"

I rappresentanti comunali Milia, Caridi e Maiolino: "È un’opera per la cui realizzazione la giunta Falcomatà ha impegnato una cifra spropositata per “festeggiare” il 25 aprile più sommesso dai tempi della Repubblica"

"Assurdo ma vero. Si fa stento a crederci, eppure è la verità, nero su bianco sulla delibera di Giunta comunale n.67 del 7 aprile 2021: in un periodo così drammatico per Reggio e per il mondo intero, l’Amministrazione Falcomatà ha speso 210 mila euro per un murales. Uno smacco alla povertà, al disastro in cui versa la nostra città, l’ennesimo sperpero di denaro pubblico.

Sponsorizzata dalle migliaia di scatti amatoriali, è notizia che spopola sui social da giorni la raffigurazione in street-art di due figure partigiane opera di artisti incaricati dalla squadra di governo cittadino. È un’opera per la cui realizzazione la giunta Falcomatà ha impegnato una cifra spropositata per “festeggiare” il 25 aprile più sommesso dai tempi della Repubblica".

E' quanto affermano in una nota i consiglieri comunali di Forza Italia, Federico Milia, Antonino Caridi e Antonino Maiolino che aggiungono: "Tutto ciò al fine di promuovere “la promozione dei valori della Resistenza verso i più giovani […] attraverso un linguaggio figurato e mezzi di comunicazione immediati […] favorendo una fruizione comunicativa popolare ed istantanea”. Un modo abbastanza dispendioso di promuovere questi valori per le casse del Comune più tassato d’Italia, dove i disoccupati in età giovanile rappresentano più di due terzi. Non contestiamo tanto la forma quanto il costo eccessivo utilizzato per giustificare la realizzazione di queste opere, realizzate per giunta sulle facciate di case popolari cadenti, che avrebbero certamente bisogno di ben altri interventi manutentivi".

Per i consiglieri forzisti "mentre in città si accumulano rifiuti, il decoro urbano è una chimera, gli imprenditori non sanno come far campare le proprie aziende, aumentano le opere incompiute ed i problemi mai risolti, il sindaco ed i suoi si preoccupano di deliberare in tutta fretta (10 giorni appena) l’utilizzo di risorse sì vincolate alla cultura, ma che avrebbero potuto impiegare in ben altro modo in nome della cultura di Reggio, città ricca di storia.

Riteniamo che questo sia l’ennesimo oltraggio all’intelligenza dei reggini, rimandati all’infinito su problematiche di strettissima attualità e abilmente distratti con finte inaugurazioni e propaganda politica di bassa lega, rivangando divisioni del passato che nulla giovano all’educazione dei nostri giovani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento