Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Centro

Arcigay dei Due mari, oltre mille studenti coinvolti per dire no alle discriminazioni

Stamattina a Palazzo San Giorgio la referente del comitato Michela Calabrò ha esposto gli esiti del progetto Nobullying

Michela Calabrò

E' soddisfatta Michela Calabrò, referente del Comitato Arcigay dei Due mari, del lavoro svolto in questi difficili mesi di pandemia, per coinvolgere i giovani e far capire cosa vuol dire contrastare gli stereotipi e le descriminazioni che, prutroppo, ancora molti vivono per il loro orientamento sessuale.

A Palazzo san Giorgio alla presenza degli assessori Giuggi Palmenta (Politiche di genere), Demetrio Delfino (Welfare) e Rosanna Scopelliti (Cultura), ecco che Michela Calabrò ha presentato gli esiti del progetto #Nobullying promosso dal comitato Arcigay  all'interno delle scuole per una cultura delle differenze, finalizzato al contrasto di ogni forma di violenza e discriminazione.

Sono stati sei gli istituti scolastici di secondo livello coinvolti in Calabria e oltre mille gli studenti che hanno preso parte al progetto. 
Nel corso dell'attività sono stati coinvolti oltre un migliaio di studenti. L'obiettivo è stato quello di riflettere sulle differenze e pregiudizi, sul modo in cui le norme sociali influenzano l'identità di genere, incoraggiare l'empatia nei confronti di chi viene rifiutato o escluso, approfondire la terminologia legata alle questioni Lgbti, creando un clima di apertura. Il progetto, il cui esito è stato presentato oggi a Palazzo San Giorgio sede del Comune di Reggio Calabria, dalla referente del comitato Arcigay Michela Calabró e dagli assessori Giuggi Palmenta (Politiche di genere), Demetrio Delfino (Welfare) e Rosanna Scopelliti (Cultura), ha promosso all'interno delle scuole una cultura delle differenze, finalizzato al contrasto di ogni forma di violenza e discriminazione.

L'obiettivo è stato quello di riflettere sulle differenze e pregiudizi, sul modo in cui le norme sociali influenzano l'identità di genere, incoraggiare l'empatia nei confronti di chi viene rifiutato o escluso, approfondire la terminologia legata alle questioni Lgbt, creando un clima di apertura. 

"Arcigay nazionale ci ha scelto tra 16 comitati territoriali", - dice con orgoglio Calabrò. "L'obiettivo principale di questo progetto è il contrasto delle discriminazioni determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere nell'ambito giovanile.  In questi mesi - ha aggiunto - ci siamo concentrati sulle scuole, realizzando anche dei laboratori e workshop con gruppi e movimenti giovanili di associazioni del nostro territorio. La cosa importante del progetto - ha concluso - è che, pur collocandoci in un periodo difficile per via della pandemia da Covid, siamo riusciti a coinvolgere le scuole e gli studenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arcigay dei Due mari, oltre mille studenti coinvolti per dire no alle discriminazioni

ReggioToday è in caricamento