menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le armi sequestrate dai Carabinieri

Le armi sequestrate dai Carabinieri

A spasso fra i boschi dell'Aspromonte con armi clandestine, tre finiscono in manette

I carabinieri hanno sorpreso Leone Morello, Giuseppe Sgrò e Francesco Spanò, 30enne di Palizzi a Casalnuovo di Africo. Ai tre è stata contestata la detenzione abusiva di armi e munizioni, la ricettazione e l'ingresso illegale all’interno del Parco Nazionale

A Casalnuovo d’Africo, i Carabinieri hanno arrestato Leone Morello, 33enne di Palizzi, Giuseppe Sgrò, 30enne di Montebello Jonico e Francesco Spanò, 30enne di Palizzi, per detenzione abusiva di armi e munizioni, ricettazione e ingresso illegale all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte.

E' sempre alta l’allerta dei Carabinieri nel contrasto alla caccia di frodo, fenomeno diffuso nella provincia reggina più di quanto si pensi. A farne le spese, purtroppo, sempre l’Aspromonte, che viene preso di mira da tutti coloro che non rispettano le regole. Se da un lato, infatti, molti sportivi appartengono a gruppi di caccia organizzati e seguono le procedure, ne esistono molti altri che, fregandosene letteralmente delle regole, non rispettano alcune delle norme più elementari, cacciando nei periodi non consentiti, in luoghi vietati, con armi clandestine e colpendo anche specie protette.

È il motivo per cui i Carabinieri della Compagnia di Bianco e i militari dello Squadrone eliportato dei Cacciatori di Calabria hanno avviato un attento monitoraggio delle aree aspromontane più isolate; quelle dove, secondo i militari dell’Arma, è più facile che alcuni gruppi di cacciatori “abusivi” e non registrati si ritrovino per cacciare di frodo.

Ecco, quindi, che non sorprendono i risultati del controllo di sabato scorso: i Cacciatori, esperti conoscitori d’area, si sono mimetizzati tra la vegetazione nella zona di Casalnuovo d’Africo, in pieno Parco Nazionale dell’Aspromonte e, al termine di un appostamento, hanno sorpreso i tre giovani della zona, in possesso di altrettanti fucili con matricola abrasa, e circa 60 munizioni. Niente da fare quindi per i tre cacciatori improvvisati, che di fronte all’evidenza non hanno potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità e consegnare le armi. I tre, sono finiti al carcere Arghillà di Reggio Calabria, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Non si ferma, quindi, il contrasto ai reati in materia di caccia di frodo. Preoccupa, in particolare, e non poco, la costante disponibilità di armi clandestine, come testimoniato dai numerosi rinvenimenti dei Carabinieri in tutto il territorio aspromontano. L’Arma porta avanti la sua lotta con tutte le risorse a disposizione: non soltanto con le Stazioni Carabinieri e con i Cacciatori di Calabria, ma anche con i Carabinieri forestali, a difesa dell’ambiente, del territorio e delle specie animali. L’attività di contrasto è accompagnata da una costante opera di sensibilizzazione al rispetto della natura, specialmente nei più giovani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento