menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La droga sequestrata

La droga sequestrata

Curava una piantagione di marijuana con il padre e il cugino, misura cautelare per un 20enne

Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri di Taurianova dopo diversi mesi di approfondimenti dopo il ritrovamento della droga e gli arresti dello scorso agosto

Curava una piantagione di marijuana insieme al padre e al cugino, dopo diversi mesi anche per un 20enne di Melicucco arriva la misura cautelare. I carabinieri di Tauriavova, dopo aver ricostruito un solido quadro indiziario, hanno eseguito la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, emessa dal Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di N.F., 20enne incensurato di Melicucco poiché ritenuto responsabile, in concorso, del reato di coltivazione di sostanza stupefacente. Già mesi addietro i militari della Compagnia di Taurianova avevano arrestato in flagranza di reato il padre e il cugino mentre il giovane era sfuggito al controllo.

I fatti risalgono, in particolare, all’agosto scorso quando i carabinieri della stazione di Cinquefrondi, con il supporto del reparto specializzato dei Cacciatori di Calabria, in zona impervia aspromontana compresa tra i comuni di Anoia e Melicucco, avevano rinvenuto una piantagione di marijuana costituita da 211 piante di altezza varabile da 0,3 metri a 1,7 metri., con un impianto di irrigazione “a goccia”, coperta da un alto muro di rovi e sterpaglie quasi impenetrabile.

Nello specifico, i militari, dopo aver avuto accesso alla piantagione da una porta “naturale” scavata tra i rovi, avevano sorpreso e arrestato in flagranza di reato Fossari Pasquale, 51enne, e il nipote Fossari Francesco, 26enne, e sequestrato le piante rinvenute.

Solo grazie ai successivi risvolti investigativi, conseguenti alla incessante attività d’indagine condotta dai carabinieri per addivenire all’identificazione di tutti i soggetti coinvolti nell’attività illecita, è stato oggi possibile addivenire all’identificazione del terzo soggetto, destinatario del provvedimento cautelare, quale complice nella cura della piantagione “ a conduzione familiare”, insieme ai congiunti.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento