rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
L'incontro

Piazza De Nava, associazioni ambientaliste compatte contro il progetto di demolizione

Insieme alla Fondazione Mediterranea e al Comitato civico chiedono una revisione progettuale partecipata e il rispetto dell’ordine del giorno votato all’unanimità dal consiglio comunale il 31 gennaio 2022.

Organizzato dalla Fondazione Mediterranea si è tenuto un meeting di studio e analisi sulla querelle relativa al progetto demolitivo di piazza De Nava fortemente voluto dalla Soprintendenza reggina in contrasto con la sua mission istituzionale di tutela e restauro.

All’incontro hanno partecipato le associazioni ambientaliste Fai, Legambiente, Wwf, ArcheoClub dello Stretto, Fareverde, ecc. insieme a Europa Verde (pur ringraziando dell’invito non ha partecipato Italia Nostra, che peraltro nei giorni passati aveva prodotto un comunicato contrario alla demolizione).

Erano altresì presenti i rappresentati di altre associazioni cittadine (Il Circolo Zavattini, l’ass. Naz. Combattenti, l’ass. Da Domani, ecc., che si uniscono a quelle già presenti nel Comitato, come l’assaciazione Amici del museo, il Comitato Area dello Stretto, l’associazione di Club Service, l’associazione Le Muse, ecc) e di categorie accademiche e professionali come la sezione calabrese dell’Istituto nazionale di urbanistica e la Società dei territorialisti.     

La folta e variegata espressione del volontariato reggino ha approvato e deciso di sostenere l’azione fin qui prodotta dalla Fondazione Mediterranea e dal Comitato civico piazza De Nava, come peraltro fatto nei giorni scorsi anche da altre organizzazioni, come ad esempio la Fondazione Girolamo Tripodi.

Nel corso della riunione si è ripercorso l’iter che ha prodotto il vero monstrum urbanistico rappresentato dal progetto della nuova piazza De Nava che, demolendo la storia cittadina e la memoria collettiva e l’identità dei luoghi, creerà un “non-luogo” (Marc Augé). I relativi lavori, che dovrebbero partire - con ingiustificata fretta - già dopo le Feste Mariane, dureranno minimo tre anni e ostacoleranno poderosamente le attività museali del Cinquantenario dei Bronzi.

Si è fortemente evidenziato che, contrariamente a quanto promesso dalla soprintendenza e dal segretariato regionale del Mic in occasione della bocciatura del “Progetto Di Battista / Prosperetti”, non si è avuta una progettazione partecipata che coinvolgesse le associazioni professionali né tantomeno gli ambienti universitari (passaggio che si sarebbe dovuto attuare in fase di progetto preliminare, quindi prima della Conferenza dei Servizi). Il millantato coinvolgimento dell’Università Mediterranea si è infatti limitato a una relazione tecnica commissionata direttamente alla direttrice del Pau prof.ssa Francesca Martorano, di cui negli ambienti accademici non si sapeva nulla e in cui peraltro non si parla di demolizione.

Una progettualità, quindi, nata all’interno della Soprintendenza e portata avanti senz’alcuna possibilità di intervento esterno (caso unico in Italia di un controllore che è deputato a controllare il proprio stesso operato), che collide frontalmente con gli intessi della cittadinanza e con l’unanime parere espresso dal consiglio comunale nella seduta del 31 gennaio del 2022.

Alla fine della riunione si è concordemente stabilito di: richiamare l’amministrazione comunale a rendere cogente quanto stabilito nella seduta consiliare del 31 gennaio 2022; attivare tutte le procedure, anche legali (nonostante sia ancora pendente un procedimento penale aperto dalla Procura reggina), per tentare di modificare il progetto da demolitivo in restaurativo per mantenere la storia e l’identità dei luoghi; stigmatizzare l’operato pilatesco del ministro Dario Franceschini che, pur sollecitato per ben due volte a intervenire anche con interpellanze parlamentari, come affidando la pecora al lupo, ha incaricato di rispondere prima il dottor Patamia e poi l’architetto Sudano; evidenziare il disinteresse alla vicenda da parte dei giornalisti reggini operanti sulla stampa nazionale che, tranne una sola accezione, si sono dimostrati interessati solo a venire in città a ritirare premi e presentare libri senza produrre nulla di concreto per Reggio; criticare l’incomprensibile silenzio sulla questione da parte di pur qualificate associazioni culturali reggine; sollecitare il doveroso democratico coinvolgimento della cittadinanza, tramite le associazioni civiche e le organizzazioni professionali, a una rimodulazione e revisione progettuale partecipata.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza De Nava, associazioni ambientaliste compatte contro il progetto di demolizione

ReggioToday è in caricamento