rotate-mobile
Il fatto / Centro / Piazza de Nava

Piste ciclabili, Falcomatà: "Ho sospeso i lavori di questo scempio"

Sopralluogo serale del sindaco in via De Nava che in diretta Facebook ha annunciato la decisione

I primi a denunciare i lavori della pista ciclabile sono stati i cittadini, sempre più indignati sulla qualità dell'esecuzione dell'opera. Il sindaco Giuseppe Falcomatà, ieri sera, ha deciso di fare un sopralluogo, dopo una lunga riunione di giunta, e così si è recato in via De Nava, dove era stato segnalato che la pista ciclabile passava proprio sulla corsi riservata agli autobus. Ha acceso la telecamera del telefonino e ha fatto una diretta Facebook il sindaco. È sconcertato e arrabbiato. 

Otto minuti di diretta per dire che questa pista è uno scempio e annuncia subito che ha sospeso i lavori e questa a volta - sottolinea Falcomatà - per gli errori fatti non pagheranno i cittadini ma chi non ha vigilato, chi è il responsabile di questo scempio. 

Cammina Falcomatà e guarda sconcertato i lavori eseguiti. Spiega ai cittadini: "Ho detto sin dall'inizio che questa è una storia nata male e che sta rischia di finire peggio. Come sapete, dal mio ritorno ad ottobre ho cercato di capirne di più su questo progetto, Bike line,  che se fatta bene ha lati positivi ma se fatta male, come in questo caso, è un'opera inutile e pericolosa che sicuramente non potrà portare benefici per cui è stata programmata. Ho fatto da subito un incontro con i progettisti per capire come si potesse procedere in maniera corretto rispetto a come non lo era stato agli inizi, evidentemente non ci hanno sentito, non ci hanno voluto sentire rispetto a questa richiesta, e allora ho dovuto richiedere la sospensione dei lavori”.

"La diretta, - specifica il primo cittadino - oltre a farvi vedere lo scempio, qui siamo in via De Nava, ma anche in altre zone della città la situazione è uguale, è per annunciarvi che la sospensione dei lavori è arrivata oggi". Legge il documento: "In continuità con quanto già emerso rispetto alle criticità di questo appalto, preso atto delle ulteriori criticità riscontrate durante l'attuale esecuzione dei lavori, con la presente si richiede di sospendere, con effetto immediato, i lavori in corso e di voler relazionare sullo stato dei lavori già eseguiti, sei tempi e sui correttivi messi o da mettere in campo per efficentare le attività residue da realizzare".  

Poi aggiunge: "Non è soltanto questo. Io ho chiesto di vederci chiaro, rispetto alle responsabilità dei progettisti, dei rup, e di tutti coloro che dovevano vigilare ed evidentemente non lo stanno facendo". 

"Non sono un tecnico, ma non ci vuole un tecnico per capire che non può essere così una pista ciclabile. Guardate che stanno facendo, questo è un attentato alla sicurezza dei cittadini,  e all'intelligenza. Guardate qui". Mostra i lavori della pista. 

"La misura è colma. I cittadini non possono pagare per l’incapacità di altri. Quando ho chiesto con le migliori intenzioni un incontro con i tecnici per provare a sistemare, mi hanno risposto che gli esperti sono loro e che questo era il progetto migliore. Allora che si palesino e spieghino ai cittadini come hanno concepito questa opera. Da parte mia, oltre a verificare se c'è la possibilità di continuare questo progetto,  c’è la volontà da parte mia di perseguire le responsabilità penali e civili. Ci vengano a dire loro come è possibile realizzare una schifezza di questo tipo, che loro sanno il colore, il tracciato... lo dicano alla città”, chiede il sindaco Falcomatà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piste ciclabili, Falcomatà: "Ho sospeso i lavori di questo scempio"

ReggioToday è in caricamento