menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Silp Cgil pronto al ricorso al Tar

Il Silp Cgil pronto al ricorso al Tar

Previdenza complementare polizia, il Silp Cgil promuove un ricorso al Tar

I vertici sindacali si sono mossi in seguito alla sentenza della Corte dei conti della Puglia che ha riconosciuto ad un militare dell’Aeronautica il diritto al risarcimento del “danno presente e futuro”

silp cgil ricorso-2Il Silp Cgil sta promuovendo un ricorso al Tar per il riconoscimento del danno causato dal mancato avvio della previdenza complementare per il personale della Polizia di Stato. L’azione sindacale prende le mosse dai contenuti della sentenza 207/2020, con la quale la Corte dei Conti Puglia ha riconosciuto ad un militare dell’Aeronautica il diritto al risarcimento del “danno presente e futuro” derivante dalla mancata attivazione della Previdenza Complementare obbligatoria introdotta dalla Legge 335/95 (la cosiddetta riforma pensioni Dini).

Il Silp Cgil - si legge in una nota - “promuovendo un ricorso al Tar, ha ritenuto di dover percorrere la via giudiziaria per ottenere il riconoscimento di analogo risarcimento per i poliziotti”.

Per il sindacato appare “Apprezzabile come, secondo la Corte dei Conti Puglia, i danni risarcibili siano ben due: il primo, quello derivante dal fatto che a causa della mancata attivazione del Fondo Pensione il lavoratore non abbia potuto accantonare nulla per la sua pensione; il secondo, quello derivante dall’impossibilità di beneficiare della detrazione fiscale spettante per le quote che il lavoratore avrebbe dovuto versare mensilmente sul fondo pensione”.

Nel merito della Sentenza 207/2020 il Giudice afferma: "Sotto il profilo sostanziale, poi, il danno derivante dalla mancata attivazione della previdenza complementare si configura, nella specie, come “ danno futuro”, le cui conseguenze si manifestano non nell’immediato, essendo il ricorrente tuttora in servizio, bensi? all’atto del pensiona- mento, in quanto il tempestivo avvio dei fondi pensione avrebbe generato un montante piu? elevato rispetto al mancato esercizio dell’opzione, oltre che consentire un risparmio in termini di tassazione Irpef in virtu? di un maggio- re ammontare deducibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento