Al giornalista reggino Claudio Cordova il Premio nazionale Paolo Borsellino

Tra i premiati: Pif, regista e attore e celebre per il film “La mafia uccide solo d’estate”, e Floriana Bulfon, giornalista che si è occupata con le sue inchieste del clan dei Casamonica

La cerimonia di premiazione

Importante riconoscimento per Claudio Cordova. Al giornalista reggino è stato assegnato il Premio nazionale Paolo Borsellino, per l'impegno nel raccontare la 'ndrangheta. La cerimonia si è svolta nel Teatro Comunale di Teramo. L’iniziativa, organizzata come sempre dal 1992dall’Associazione Falcone e Borsellino, con il patrocinio del Comune di Teramo, in collaborazione con l’Associazione studentesca "Omertà" segna il ritorno di questo Premio nella città di Teramo dopo 15 anni.

L'attività di Cordova è culminata con la recente pubblicazione di "Gotha - il legame indicibile tra 'Ndrangheta, massoneria e servizi deviati", libro-inchiesta che indaga sul coinvolgimento della criminalità organizzata calabrese in alcuni dei misteri irrisolti d'Italia, che si
avvale della prestigiosa prefazione del procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho. 

Tra i premiati, anche Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, regista e attore e celebre per il film “La mafia uccide solo d’estate”, e Floriana Bulfon, giornalista che si è occupata con le sue inchieste del pericoloso clan dei Casamonica a Roma. Davanti a centinaia di studenti, Cordova, che è stato piùvolte minacciato dalla 'ndrangheta, ha raccontato delle difficoltà che si affrontano svolgendo l’attività giornalistica in Calabria: "Ancor prima delle minacce fisiche e muscolari, molto più pericolosi e dolorosi sono l’isolamento e la delegittimazione".

Ai giovani, il giornalista ha lanciato un messaggio di speranza: "Prima o poi, vi scontrerete con la mentalità mafiosa, che è quella che non fa emergere il merito. Ma vi dico: non smettete di sognare, perché ogni sogno vi porta più in là”. Da ultimo, il direttore del Dispaccio, ha ribadito il proprio impegno per far diventare la Calabria e la ‘ndrangheta due casi nazionali: “ì"La mia terra è molto difficile, amara spesso. Ma è composta da tante persone oneste, cui mancano però punti di riferimento. E io cerco di non dimenticare mai quello che faccio e perché lo faccio in Calabria. Farlo in Calabria ha un sapore diverso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi truffa all’Inps, false assunzioni per ottenere indennità: 458 denunce a San Luca

  • Stuprata dal branco a 13 anni, costretta a fuggire al Nord per ricominciare a vivere

  • Pedone travolto sul viale Messina, trovata pirata della strada: è una donna di 90 anni

  • Incidente frontale tra due auto sulla Gallico-Gambarie: tre feriti

  • Blitz dei vigili urbani in un negozio cinese: sequestrati 2300 articoli natalizi pericolosi

  • Gioielliere “evasore totale” incastrato dalla guardia di finanza

Torna su
ReggioToday è in caricamento