Cronaca

Occhiuto già al lavoro per una "Calabria che nessuno si aspetta"

Il candidato del centrodestra alle regionali si dice onorato della scelta della coalizione: "Sono pronto a lavorare per una regione migliore"

«Sono onorato per la decisione della coalizione di centrodestra che mi ha voluto indicare come candidato unitario per la presidenza della Regione Calabria. Ringrazio per la fiducia che stanno riponendo in me il presidente del mio partito, Forza Italia, Silvio Berlusconi, il coordinatore nazionale, Antonio Tajani, la responsabile dei rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli, e il coordinatore regionale azzurro in Calabria, Giuseppe Mangialavori. Ringrazio ovviamente anche i leader di Lega e Fratelli d’Italia, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, e gli amici delle altre formazioni della nostra area politica». Così Roberto Occhiuto, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Calabria.

«Sono capogruppo alla Camera dei deputati di un grande partito, in tanti negli ultimi mesi mi hanno chiesto se fossi davvero convinto di lasciare un incarico nazionale così prestigioso per cimentarmi in questa difficile sfida. Ma io – riprende il presidente dei deputati FI – ho scelto da tempo, ho scelto la Calabria. Sono pronto sin da subito a lavorare, con abnegazione e con entusiasmo, per una campagna elettorale che si preannuncia lunga ed appassionante».

«Da domani sarò impegnato per raggiungere questo obiettivo, per vincere le prossime elezioni regionali. Ce la faremo. Dimostreremo che la Calabria non è una terra ingovernabile e che i calabresi sono cittadini di serie A come quelli delle altre Regioni. Cittadini che chiedono opportunità, che vogliono essere messi nelle condizioni di lavorare e prosperare esaltando le bellezze e le ricchezze del nostro territorio. Una Calabria migliore è possibile. Faremo conoscere all’Italia intera – conclude – una Calabria che nessuno si aspetta».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occhiuto già al lavoro per una "Calabria che nessuno si aspetta"

ReggioToday è in caricamento