rotate-mobile
La nota

Caos cambio gestione rifiuti, il coordinamento di quartiere Arghillà chiede rassicurazioni

Ecologia Oggi dovrebbe insediarsi nei locali dell'ex Spaccio alimentare e "a fianco dei 38 alloggi del condominio Agave"

"Il coordinamento di quartiere di Arghillà, Ets composto da associazioni e cittadini della zona impegnati nella difesa dei diritti e dei beni comuni, si è rivolto al sindaco, al prefetto, al direttore generale dell’Asp e alla stessa Ecologia Oggi per avere notizie e rassicurazioni circa il paventato insediamento ad Arghillà della sede operativa di Ecologia Oggi, il nuovo concessionario dei rifiuti", è quanto annuncia il coordinamento in una nota.

"Il coordinamento di quartiere, - prosegue la nota - avendo appreso dalla stampa e verificato in loco che la nuova concessionaria del servizio di raccolta e conferimento dei rifiuti Ecologia Oggi dovrebbe insediare nei prossimi giorni le proprie attività ad Arghillà nei locali commerciali che già ospitavano lo Spaccio alimentare, a fianco dei 38 alloggi del condominio Agave e a qualche centinaio di metri dal resto degli insediamenti abitativi di Arghillà, 6.000 abitanti, sulla quale destinazione gli stessi lavoratori e i loro sindacati hanno espresso forti perplessità, che condividiamo, ha chiesto un incontro urgente".

Un incontro "al fine di verificare con le autorità e con l'azienda interessata la veridicità della notizia e ricevere tutte le informazioni necessarie e doverose circa il tipo di attività industriale e/o commerciale svolta o da svolgere, l’ impatto ambientale, - conclude - sulla salute e l’ Igiene pubblica dei luoghi e delle persone, al fine di poter rassicurare la cittadinanza estremamente preoccupata sull’opportunità, la legittimità e la salubrità delle attività espletate in locali adibiti finora a supermercato a ridosso delle abitazioni, in un quartiere già afflitto da numerose criticità sociali e ambientali, legate anche alla salubrità dei luoghi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos cambio gestione rifiuti, il coordinamento di quartiere Arghillà chiede rassicurazioni

ReggioToday è in caricamento