menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il questore Bruno Megale

Il questore Bruno Megale

Per le due maxi risse organizzate sui social, pugno duro del questore Bruno Megale

La polizia ha emesso 21 divieti di accesso alle aree urbane per altrettanti minorenni che si sono resi protagonisti degli scontri e sono stati individuati dagli uomini della polizia di Stato

Per le due maxi risse organizzate sui social e divampate a Gioia Tauro e Campo Calabro, sono arrivati 21 provvedimenti di divieto di accesso alle aree urbane. Il Questore di Reggio Calabria, Bruno Megale, sulla scorta della normativa per la “sicurezza urbana” che guarda alla vivibilità ed al decoro dell’ambiente cittadino, ha inteso dare una risposta significativa ai disordini che gruppi di giovani, per lo più minorenni, hanno posto in essere nelle piazze dei Comuni della provincia reggina. 
Il riferimento è a quegli episodi di “risse organizzate” che si sono verificati il 10 gennaio scorso nella centralissima Piazza Duomo del Comune di Gioia Tauro ed il 5 febbraio in Piazza Municipio e Piazza Nassiria del Comune di Campo Calabro. I giovani coinvolti negli episodi si sono dati appuntamento attraverso i social network, incontrandosi senza alcun rispetto delle norme in materia di assembramenti e senza utilizzare le mascherine.  
Otto provvedimenti di Divieto di accesso alle aree urbane sono stati adottati nei confronti dei responsabili della rissa avvenuta in Gioia Tauro, e tredici provvedimenti sono stati emessi a carico dei ragazzi coinvolti nei fatti di Campo Calabro. 

In entrambi i casi, che tanto risalto hanno avuto nella cronaca nazionale e locale, i giovani si erano dati appuntamento per scontrarsi brutalmente, anche con l’uso di oggetti contundenti, dando vita a scene violente e mettendo anche a rischio l’incolumità delle persone che già si trovavano in quei luoghi. 
Tutti i soggetti erano stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di rissa, ed il Questore, con gli odierni provvedimenti, ha interdetto loro l’accesso ai pubblici esercizi e ai locali di pubblico trattenimento che si trovano in quei luoghi, nonché il divieto di stazionare nelle loro immediate vicinanze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento