menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Grande Ospedale Metropolitano

Il Grande Ospedale Metropolitano

Rubato pc nel reparto di radioterapia, l'Ordine dei medici: "Atto criminale contro la città"

Lo sdegno dell'Ordine dei medici di Reggio Calabria. Il furto è stato denunciato negli uffici della Questura da Said Al Sayyad, primario della divisione

I soliti ignoti sono entrati nuovamente in azione. A finire nel mirino, il Grande ospedale metropolitano. Nella notte tra giovedì e venerdì scorso all’interno del bunker della divisione di radioterapia, sono stati rubati un monitor e una workstation, una sorta di computer centrale che alimenta e riscalda l’acceleratore lineare, fondamentale per poter eseguire i trattamenti radioterapici ai tanti pazienti oncologici che quotidianamente si
recano in ospedale per usufruire di tali prestazioni salvavita.

Appresa la notizia del furto, l’Ordine dei medici di Reggio Calabria e provincia, condannando il vile atto criminale ha affermato: "Fortunatamente, grazie alla abnegazione dei medici, infermieri, tecnici, fisici e di tutto il personale che si spende quotidianamente con sacrifici enormi, si è riusciti a ripristinare il tutto in meno di un’ora il danno che poteva essere ben più grave se il furto fosse stato diretto verso altre tecnologie ancor più delicate".

L’ordine dei medici reggini esprime dunque "il suo forte sdegno verso un gesto che colpisce in maniera diretta non soltanto l’ospedale ma soprattutto la città, dal momento che l’alta tecnologia radioterapica presente all’interno dell’Azienda ospedaliera permette a centinaia di pazienti, molti provenienti ogni giorno anche dalla provincia, le cure più appropriate per le diverse patologie oncologiche.

C’è da aggiungere che nessun dato sensibile era presente all’interno del computer sottratto e l’Ordine dei Medici spera che le forze di polizia facciano al più presto piena luce su questo episodio davvero inquietante".

"Abbiamo chiamato subito il tecnico della ditta del computer rubato il quale è stato subito disponibile – ha dichiarato il dottore Said Al Sayyad, direttore del Dipartimento oncoematologico e radioterapico, primario della Radioterapia oncologica, nonché consigliere dell’Ordine dei Medici -e tutti insieme, tecnici, medici, infermieri, fisici siamo riusciti a far ripartire tutta la complessa macchina della radioterapia.

Resta l’amarezza e la delusione perché il vile gesto ha colpito il nostro orgoglio e perché il nostro obiettivo è quello di lavorare bene e dare prestazioni ottimali ai nostri pazienti. Chi ha rubato il computer, peraltro privo di dati sensibili e personali, mi fa pensare che conosce bene l’informatica, dal momento che, riformattato, il pc potrebbe essere utilizzato, con la potenza che si ritrova, per un uso strettamente personale".

Il primario ha sporto regolare denuncia negli uffici della Questura e dopo aver rassicurato tutti i pazienti ha ringraziato "tutto il personale che si è speso enormemente per ripristinare il tutto, i cittadini e gli amici che mi hanno contattato per esprimere tutta la loro solidarietà. Rimango fiducioso nei riguardi delle forze dell’ordine che probabilmente attraverso le telecamere interne possano individuare l’autore dell’orribile gesto. Noi continueremo a lavorare come sempre, rispettando il giuramento di Ippocrate, questa è la cosa più importante".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento