Covid-19, il partigiano Malerba invia video messaggio al Colle e Mattarella lo chiama

Pasquale Brancatisano, 98 primavere, ha ricevuto la telefonata del Capo dello Stato nella sua casa a Samo. "Il presidente - ha affermato il partigiano - è uno che merita, mi piace e ha la capacità di guidare l'Italia in questa fase difficile"

Il frame del partigiano è dell'Ansa

"Sono stato emozionato della telefonata del presidente della Repubblica che giudico una persona seria, che lavora con senso di patria e patriottismo per l'Italia".

Così Pasquale Brancatisano, nome di battaglia "Malerba", partigiano durante negli anni dal 1943 al 1945, ha raccontato all'Ansa la sorpresa di aver ricevuto nella sua casa di Samo, una telefonata di Sergio Mattarella. Tutto nasce da un video-messaggio inviato al Colle che il capo dello Stato ha visto e che lo ha commosso, al punto che ha deciso di chiamarlo per salutarlo di persona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pasquale Brancatisano, nonostante le sue 98 primavere, è ancora arzillo e vivace. "Il presidente - ha aggiunto dalla sua casa di Samo - è uno che merita, mi piace e ha la capacità di guidare l'Italia in questa fase difficile. Per questo gli ho inviato il video, perchè pensavo fosse giusto farlo. E lo avrei fatto anche se non ci fosse questa emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo Italo sui binari di Reggio arriva anche il Frecciarossa: il plauso del presidente Santelli

  • Riemergono da acque Stretto i fasti di Reggio, trovata ancora a 154 metri di profondità

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

Torna su
ReggioToday è in caricamento