Tendopoli di San Ferdinando, altri due agenti feriti: la denuncia di Fsp Polizia

La prima protesta si è verificata sabato sera. Oggi il nuovo e violento episodio che ha visto impegnati numerosi uomini fra polizia e carabinieri

"E’ ripresa questa mattina, dopo una pausa di un giorno, la protesta dei migranti che si trovano nella tendopoli di San Ferdinando, nel Reggino. Il fitto lancio di pietre ed altri oggetti ha causato il serio ferimento di due colleghi della Scientifica impegnati sul posto. Uno è stato colpito al petto da un masso, mentre un altro, raggiunto da una pietra scheggiata, ha riportato un taglio al piede.

Speriamo nella loro pronta e totale guarigione e gli esprimiamo la nostra più profonda solidarietà. Purtroppo, abbiamo notato che situazioni drammatiche come quella di San Ferdinando non fanno notizia più di tanto, né la fanno gli appartenenti alle Forze dell’ordine mandati a farsi aggredire o a farsi contagiare in questi contesti che sono bombe a livello di rischio sanitario oltre che di ordine e sicurezza. Sfortunatamente i problemi non si risolvono fingendo che non esistano. La serietà e la gravità di quello che accade sono sotto gli occhi di tutti, è arrivata l’ora di intervenire in ben altra maniera, senza limitarsi a scaricare tutto sugli operatori di polizia a costo di qualsiasi conseguenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così Valter Mazzetti, segretario generale Fsp polizia di stato, dopo che oggi si è verificata una nuova la sassaiola contro la polizia nella tendopoli di San Ferdinando.

Nell'area, in cui sono rimaste circa una trentina di persone, ben 14 sono risultate positive "mentre altre non hanno voluto sottoporsi al tampone. Di qui la decisione della Regione Calabria di dichiararla "zona rossa" che, però, i migranti non vogliono rispettare. Il primo episodio si è verificato sabato sera, oggi la nuova protesta che ha visto impegnati numerosi uomini fra polizia e carabinieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

Torna su
ReggioToday è in caricamento