rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
L'intervento

Carceri, sindacati penitenziari: "Basta sospensione agenti, Nordio intervenga"

Il presidente del Consipe chiede al ministro della Giustizia interventi urgenti per rivedere l'organizzazione carceraria, soprattutto della polizia penitenziaria

"I fatti del carcere Panzera di Reggio Calabria saranno valutati dai magistrati verso i quali noi abbiamo grande fiducia: ma di sicuro pongono in evidenza che il sistema carcerario è arrivato al capolinea. Chiediamo al ministro della Giustizia Carlo Nordio misure coraggiose per rivedere tutta l’organizzazione, soprattutto quella della Polizia penitenziaria". Lo dichiara Mimmo Nicotra, presidente del Consipe, Confederazione sindacati penitenziari.

"I fatti dei giorni scorsi si sommano ai tanti altri casi che vedono agenti della Polizia penitenziaria raggiunti da misure cautelari, con conseguente sospensione dal lavoro da parte del Dap. Questo non è più accettabile - denuncia Nicotra - ci sono intere famiglie che non possono più contare su uno stipendio, con agenti costretti a dimostrare la loro innocenza ed a pagare per questo le spese legali per anni ed anni". ù

"Chiediamo - conclude il sindacalista - che il sistema venga modificato perché in questo modo, oltretutto, l’Amministrazione sta già condannando i poliziotti: è fondamentale che la sospensione arrivi solo nei casi più gravi. Il capo del Dipartimento non ha mai assunto iniziative in proposito e per questo chiediamo urgentemente l’intervento del ministro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carceri, sindacati penitenziari: "Basta sospensione agenti, Nordio intervenga"

ReggioToday è in caricamento