Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Fabrizio Corona in aula per l'acquisto della casa di Milano: "Comprata con soldi leciti"

L'ex "re dei paparazzi" a Locri per rispondere alle domande dei giudici sul rogito che sarebbe stato effettuato nel reggino. Multa e accompagnamento coatto alla prossima udienza per l'ex compagna Nina Moric

Fabrizio Corona (foto MilanoToday)

L'ex "re dei paparazzi" Fabrizio Corona è stato sentito dai giudici del tribunale di Locri, durante un’udienza sull’acquisto della sua casa di Milano. Fabrizio Corona, rispondendo alle domande dei giudici, ha detto: "Casa di Milano comprata con soldi leciti”. Corona ha deposto in qualità di teste assistito: "Non esiste alcun tentativo di riciclaggio di denaro". Assente l'ex moglie Nina Moric, nei confronti della quale è stata elevata una multa di 400 euro e stabilito l’accompagnamento coatto nella prossima udienza del processo fissata per l’8 aprile.

"I soldi per comprare la casa a Milano, in via Cristoforis, erano soldi leciti e provenivano dalla società Fenice srl e non da altre società. Dietro il pagamento della caparra, circa 200 mila euro, non esiste alcun tentativo di riciclaggio di denaro”. A sostenerlo, in videoconferenza, davanti ai giudici del Tribunale di Locri, è stato Fabrizio Corona, deponendo in qualità di teste assistito.

Corona ha detto di trovarsi, per via di una condanna inflittagli in un altro processo, agli arresti domiciliari per motivi di salute. L’ex "re dei paparazzi" ha deposto nel processo a carico, tra l’altro, di due suoi amici ed ex collaboratori, l’avvocato Tommaso Delfino e Marco Bonato, entrambi imputati per riciclaggio in relazione ad una parte di denaro che circa 10 anni fa sarebbe stata utilizzata, appunto, per acquistare l’appartamento di via Cristoforis a Milano.

Casa, in cui viveva Corona, del valore di circa 2,5 milioni di euro e da più di un anno sottoposta a sequestro dall’autorità giudiziaria milanese. Il rogito per l’acquisto dell’immobile a Milano, secondo l’accusa, è stato effettuato a Locri e i soldi, suddivisi in 22 assegni circolari versati da uno dei due collaboratori di Corona su delega dello stesso ex “re dei paparazzi”, ai due ex proprietari della casa milanese, Pasquale Ceravolo e Giuseppina Gallo, presunti venditori “fittizi” i quali a loro volta avrebbero girato le somme, sempre in base a quanto sostenuto dall’accusa, “al pregiudicato calabrese, Vincenzo Gallo, che appare così il beneficiario finale del pagamento”. Non presentandosi in udienza, i giudici del Tribunale di Locri hanno inflitto una multa di 400 euro alla modella e showgirl, ex moglie di Corona, Nina Moric e deciso l’accompagnamento coatto della stessa nella prossima udienza del processo fissata per l’8 aprile prossimo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio Corona in aula per l'acquisto della casa di Milano: "Comprata con soldi leciti"

ReggioToday è in caricamento