rotate-mobile
La storia / Polistena

Per 118 profughi ucraini ci sarà una nuova casa a Polistena

L'iniziativa di solidarietà è stata possibile grazie all'impegno dell'avvocato Maria Isabella Celeste e dalla comunità "Luigi Monti"

Ci sarà ospitalità a Polistena per 118 profughi ucraini fuggiti dalla guerra e, in particolare, dalle martoriate città di Bucha e Irpin. La macchina della solidarietà si è attivata grazie ad un avvocato ucraino in contatto con la legale calabrese Maria Isabella Celeste (vice presidente dell’Ordine degli avvocati di Messina), impegnata da anni anche nel campo del volontariato con i Paesi dell’Est.

Maria Isabella Celeste è sempre stata vicina a molte associazioni umanitarie e, in particolare, all’ “Associazione Camminiamo Insieme” di Palmi, la cui direzione è affidata all’avvocato Maria Calogero.

La Calabria ha aperto le sue porte e il sindaco di Polistena Michele Tripodi ha dato piena e completa disponibilità, chiamando a raccolta volontari e associazioni. I profughi troveranno accoglienza nei locali della Comunità “Luigi Monti”, con sede in Polistena, guidata da Fratello Stefano Caria e dalla preziosa signora Rita Gerace.

L’arrivo dei pullman è previsto per il giorno 29 aprile 2022 nella città di Polistena, dove tutta la comunità sarà presente per tributare loro tutta la vicinanza e la solidarietà al popolo ucraino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per 118 profughi ucraini ci sarà una nuova casa a Polistena

ReggioToday è in caricamento