rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
I dati

Università, la classifica del Censis: la Mediterranea si aggiudica il terzo posto

Nella classifica dei piccoli atenei statali (fino a 10.000 iscritti)

La pandemia ha colpito duramente anche le università. L'anno accademico 2021-2022 ha visto, infatti, il crollo delle immatricolazioni. I ragazzi italiani, tra la crisi e l'incertezza del futuro, non scelgono di iscriversi all'università ma cercano di trovare un lavoro subito dopo il diploma. 

E' questo il quadro che emerge dai dati del Censis: i nuovi iscritti si sono ridotti del 2,8%. Una variazione che equivale a 9.400 studenti in meno. Sono di più i maschi (-3,2%) delle femmine (-2,6%) a decidere di non proseguire gli studi. E sono gli atenei del Sud a registrare la variazione negativa più marcata: -5,1%, equivalente a oltre 4.900 immatricolati in meno. Seguono gli atenei delle regioni del Centro (-2,9%) e del Nord-Ovest (-2,3%). Quelli del Nord-Est (-0,1%) sono gli unici a registrare una stabilità nelle nuove iscrizioni rispetto all’anno precedente. Eppure l'Università Mediterranea di Reggio Calabria riesce a portare a casa un buon risultato: si aggiudica il terzo posto, nella classifica dei piccoli atenei statali (fino a 10.000 iscritti), avendo scalato tre posizioni (86,5).

Il Censis, con la consueta classifica delle università italiane, basa l'analisi sulla valutazione degli atenei (statali e non statali, divisi in categorie omogenee per dimensioni) relativamente a: strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio e altri interventi in favore degli studenti, livello di internazionalizzazione, comunicazione e servizi digitali, occupabilità. A questa classifica si aggiunge il ranking dei raggruppamenti di classi di laurea triennali, dei corsi a ciclo unico e delle lauree magistrali biennali secondo la progressione di carriera degli studenti e i rapporti internazionali.  

I corsi relativi a discipline Stem (Science, technology, engineering and mathematics) sono quelli in cui si è registrata la minore riduzione di nuovi iscritti (-0,9%). Otto rettori su dieci sostengono che la crisi economica è la causa principale del calo delle immatricolazioni. 

La classifica delle università

La prima posizione tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti) è occupata anche quest’anno dall’Università di Bologna, con un punteggio complessivo di 89,8. Seguono l’Università di Padova e La Sapienza di Roma, rispettivamente con 88,0 e 86,5 punti.

Nella classifica dei piccoli atenei statali (fino a 10.000 iscritti) l’Università di Camerino occupa la prima posizione, con un punteggio pari a 99,5, seguita dall’Università di Macerata (87,2). Al terzo posto, avendo scalato tre posizioni, quest’anno c’è l’Università Mediterranea di Reggio Calabria (86,5). Retrocedono gli atenei laziali di Cassino (85,0) e della Tuscia (83,0). Sale di due posizioni l’Università della Basilicata (80,5), che precede l’Università di Teramo (80,2). Retrocede l’Università del Sannio (79,3). Chiude la classifica l’Università del Molise (75,7).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, la classifica del Censis: la Mediterranea si aggiudica il terzo posto

ReggioToday è in caricamento