rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
L'incontro

Webuild e Regione Calabria: al via la scuola di formazione nel settore infrastrutture

Incontro alla Cittadella. Diecimila le persone da assumere entro il 2026: ottomila al Sud. Si parte coi primi due corsi per 45 operatori di cantiere che si uniranno alle 1.200 persone già al lavoro in Calabria

Con l’inizio dei primi due corsi per operatori di cantiere prende il via in Calabria la scuola di formazione e assunzione di Webuild realizzata in collaborazione con la Regione.

Circa 45 persone presso la Cittadella Regionale di Catanzaro iniziano un nuovo percorso formativo nell’ambito del
programma “Cantiere Lavoro Italia”, che si aggiungeranno alle 1.200 persone già all’opera nella Regione tra
diretti e di terzi.

Il gruppo è infatti al lavoro nel cantiere del Terzo Megalotto della Strada Statale 106 Jonica, un’opera strategica che contribuirà a collegare i litorali jonici di Calabria, Basilicata e Puglia chiudendo l’anello tra gli assi autostradali A14 e A2.

Le attività formative in Calabria proseguiranno anche nei mesi di maggio e giugno con l’inizio di nuovi corsi pre-assuntivi, sempre presso la sede della Regione. La nuova Scuola di formazione e assunzione di Webuild è stata presentata ieri pomeriggio nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, Pietro Salini, amministratore delegato del gruppo Webuild, l’assessore al lavoro e alla formazione professionale, Giovanni Calabrese e il presidente del Consorzio Eurolink Gianni De Gennaro.

Le parole del governatore Occhiuto

"Sono davvero molto contento - ha affermato il presidente Occhiuto - perché dopo solo qualche settimana da quando ne abbiamo parlato in Calabria con l’amministratore delegato Pietro Salini, oggi, grazie all'impegno di Webuild e della Regione, siamo qui a dare il benvenuto a 45 dei nostri ragazzi, di cui l'80% di loro troverà lavoro in Webuild, che è una delle imprese più importanti al mondo.

Per noi è molto importante offrire il nostro contributo e il nostro supporto a un'azienda come Webuild che darà a questi giovani la possibilità di lavorare vicino casa ma, soprattutto, darà loro l’opportunità di contribuire alla costruzione delle infrastrutture della loro regione. In molti potranno scegliere anche di andare all'estero, perché questa è un'azienda che dà grandi possibilità di carriera, ed è nostro dovere dare a questi giovani la possibilità di entrare in contatto con questa importante realtà.

Ci saranno altre iniziative del genere – ha proseguito Occhiuto - perché il programma che la Regione, sotto la guida dell'assessore al lavoro Calabrese e in collaborazione con Webuild, ha preparato prevede altre due occasioni di selezione di personale.

A me piacerebbe che Webuild si impegnasse a formare non solo quelli che dovranno lavorare all'interno di questa importante azienda, ma anche tanti altri ragazzi calabresi da impiegare nella costruzione di altre infrastrutture importanti che stanno cominciando a partire in Calabria come, ad esempio, gli ospedali e le opere di elettrificazione della strada ferrata.

Noi, rispetto alle altre Regioni del Sud, siamo riusciti a profilare tutti i disoccupati calabresi attraverso il programma Gol, realizzando una banca dati che fornisce alle aziende interessate la possibilità di conoscere quali sono le competenze di tutti i disoccupati della Calabria. Ecco – ha infine sottolineato il presidente Occhiuto - è questo un modo di approcciare i temi delle politiche attive del lavoro. Per tutto questo sono molto contento che oggi il lavoro messo in campo in questi mesi stia dando i primi frutti".

Webuild regione calabrese salini occhiuto

"Dobbiamo dare un futuro ai nostri giovani"

"E' questo che ci ha spinto a lanciare "Cantiere Lavoro Italia"", ha spiegato Salini. "Il gruppo ha già assunto le prime 2.000 persone anche provenienti dai percorsi formativi di Webuild, di cui oltre la metà al Sud, e nei prossimi due anni prevediamo di raggiungere in totale 8.000 assunti nel Mezzogiorno, in gran parte in Calabria e Sicilia. La Calabria è stata tra le prime regioni in cui il gruppo Webuild ha attivato il percorso di formazione per reclutare manodopera specializzata e l’avvio oggi dei corsi è solo il primo passo operativo del nostro ambizioso programma di formazione e assunzione di giovani e disoccupati.

Il comparto infrastrutturale in Italia, dopo anni di stagnazione, sta vivendo una nuova fase espansiva grazie anche agli investimenti del Pnrr. Agendo in sinergia con le istituzioni, proprio come stiamo facendo qui in Calabria, possiamo creare occupazione qualificata finalizzata alla realizzazione delle opere in corso e per far fronte al fabbisogno anche futuro legato allo sviluppo infrastrutturale che questo Paese vuole intraprendere".

L'intervento dell'assessore Calabrese

"In pochi giorni – ha dichiarato Calabrese - grazie all'impegno e alla professionalità dei funzionari del dipartimento regionale al lavoro e dei Centri per l'impiego che operano in Calabria, ai quali rivolgo pubblico apprezzamento e ringraziamento per l'importante lavoro che quotidianamente viene svolto, abbiamo messo a disposizione del gruppo Webuild 300 aspiranti lavoratori, già profilati attraverso il programma di orientamento e formazione Gol.

Avete avuto modo di toccare con mano nel Recruting day della settimana scorsa la serietà e professionalità del gruppo Webuild, con il quale abbiamo condiviso una strategia finalizzata a formare e avviare al lavoro tanti calabresi, considerando anche il mega cantiere del Ponte sullo Stretto che aprirà nuovi scenari e ulteriori opportunità occupazionali. Inizia quindi oggi nella Cittadella il percorso di formazione finanziato dal Forma.Temp, il fondo per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione.

Fondo costituito dalle Associazioni di rappresentanza delle Agenzie per il lavoro, Assolavoro e Assosomm. Con Assolavoro andremo a firmare un importante protocollo il prossimo 23 di aprile con l'obiettivo di avviare una sinergia finalizzata sempre a creare nuove opportunità occupazionali. L'obiettivo del governo regionale – ha concluso l’assessore Calabrese - è quello di sostenere percorsi formativi di qualità e incentivare le aziende serie che vogliono dare un lavoro vero e concreto ai calabresi, o ai migranti che vivono in Calabria, con l'obiettivo di arginare il fenomeno negativo di fuga dalla Calabria, che vede ogni anno circa 8 mila calabresi portare la propria residenza in altre regioni e anche all'estero".

Le assunzioni

"Webuild si legge in una nota -  prevede di assumere 10 mila persone entro il 2026, oltre 80% nel Sud Italia. Il Gruppo ha assunto le prime 2.000 persone anche provenienti dai percorsi formativi di Webuild, di cui oltre la metà al Sud. In Calabria da novembre 2023 a oggi sono state raggiunte complessivamente quasi 280 persone, e sono stati circa 40 gli assunti nella regione.

I due corsi nuovi corsi professionalizzanti in partenza, finalizzati ad assunzione in Webuild, mirano alla formazione dei partecipanti per le mansioni di operatore multifunzione TBM (scavo meccanizzato), aiutante elettricista Tbm (scavo meccanizzato), aiutante elettricista (scavo tradizionale), aiutante escavatorista (scavo tradizionale), aiutante lancista (scavo tradizionale).

Il programma “Cantiere Lavoro Italia”, avviato a novembre da Webuild in Italia e attivo in particolare nel Sud, offre formazione specialistica e occupazione ai giovani talenti e a coloro che si trovano attualmente in stato di disoccupazione. Alle persone selezionate per il programma, il Gruppo offre formazione di base e assunzione, formazione per specializzarsi, con contratto già dalla fase di formazione, vitto e alloggio gratuiti
nella fase di specializzazione, attestazione delle competenze acquisite".

"Cantiere Lavoro Italia" si articola in tre tipi di scuole

La Scuola del Territorio, in collaborazione con le agenzie per il lavoro, per attrarre risorse verso il settore ed erogare una formazione di base; la Scuola di Mestieri, per fornire competenze tecniche specialistiche alla manodopera; la Scuola delle Professioni, per garantire competenze più avanzate alle risorse impiegatizie nel cantiere. Le scuole sono rivolte a target differenziati, da giovani a non occupati.

Con questo programma il gruppo punta a formare e assumere diverse figure professionali, sia operai specializzati (tra cui escavatoristi, elettrici, impiantisti, e non solo), sia figure di staff (tra cui buyer, contabili lavori, ingegneri Tbm). Nel Sud dell’Italia, isole comprese, Webuild sta realizzando 19 progetti che contribuiranno a dotare il Mezzogiorno di opere moderne e sostenibili e che, già oggi, occupano 5.450 persone, tra personale diretto e di terzi e vedono coinvolti una filiera di 4.300 società da inizio lavori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Webuild e Regione Calabria: al via la scuola di formazione nel settore infrastrutture

ReggioToday è in caricamento