rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Le proposte

Sviluppo Piana, le idee dell'ex consigliere regionale Imbalzano

Per il politico reggini non basta solo la Zes, sono necessarie le infrastrutture viarie e il potenziamento delle dighe presenti sul territorio

“C’è voluta la drammatica siccità che si è abbattuta sul Centro-Nord, divenuta ormai una vera guerra dell’acqua, e che rischia di trasformarsi in una catastrofe economica – alimentare per l’intero Paese, per riproporre anche in Calabria il problema della gestione delle abbondanti risorse idriche di cui dispone la nostra regione ,spesso inutilizzate per incapacità, insipienza e follia amministrativa. Da  presidente della commissione “Bilancio, attività produttive e fondi comunitari”  eravamo presenti  ed abbiamo rappresentato  la Regione, alla presenza   di  tanti Sindaci e del Consorzio di Bonifica di Rosarno, in quella assolata mattinata del  collaudo avvenuto nel 2013. E’ quanto afferma Candeloro Imbalzano, già consigliere regionale.

“Avevamo assunto, intervenendo in quella sede - dice Imbalzano -  l’impegno a far finanziare le opere a valle per l’utilizzo potabile, agricolo, energetico, turistico ed antincendio  dell’impianto: impegno che, nella seduta del 21 luglio 2014  del consiglio regionale, con un emendamento da noi proposto ed approvato all’unanimità dal consiglio regionale, nel corso della nostra relazione sulla nuova programmazione comunitaria 2014 -2020, avevamo puntualmente mantenuto. Un risultato straordinario che doveva chiudere una vicenda che risaliva agli anni ’70,villustrato successivamente alla stampa nel corso di una conferenza tenuta presso la sede del Consorzio di Bonifica, i cui dirigenti  si battevano da anni  con noi su una questione così strategica per lo sviluppo del territorio pianigiano ”.

“C’è voluta l’incoscienza della maggioranza di centro sinistra della legislatura  successiva - prosegue Imbalzano - con il disinteresse  di chi rappresentava il territorio in consiglio, per  permettere al presidente Oliverio di congelare ed ignorare quel deliberato  che  finanziava l’opera, peraltro mai revocato. Oggi, di fronte alla crisi epocale sulla disponibilità e l’utilizzo virtuoso delle risolse idriche già disponibili, ci  auguriamo  che l’ottimo presidente Occhiuto, il quale  fin qui ha dimostrato da par suo grande capacità, visione e sensibilità verso  le esigenze reali   di tutte le province calabresi, possa  reperire quei modesti finanziamenti , se possibile  tra i fondi Fesr dell’attuale pogrammazione 2021-2027, che consentano l’utilizzo multiplo di queste imponenti risorse  che darebbero respiro all’agricoltura di tutta la Piana  e  consentirebbero finalmente di valorizzare turisticamente uno splendido Comprensorio montano”.

“Al governatore della Calabria - conclude - chiediamo altresì un energico intervento sull’Anas perché sblocchi il finanziamento di originarie 38 milioni di euro strappato col  decreto sblocca Calabria, per realizzare lo svincolo sulla A2 in località Misimizzi di Laureana di Borrello. Lo svincolo stesso, intanto, toglierebbe dall’isolamento almeno 20 comuni delle contigue province di Reggio e Vibo ma contemporaneamente  faciliterebbe l’accesso e lo sviluppo anche del  comprensorio interessato dall’utilizzo delle acque della Diga sul Metramo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sviluppo Piana, le idee dell'ex consigliere regionale Imbalzano

ReggioToday è in caricamento