rotate-mobile
Cronaca

Comitato per i bambini e le madri dell’Ucraina: attivati 4 sportelli di ascolto e sostegno

In città sono circa 500 ucraini a fronte dei complessivi 700 presenti sull’intero territorio provinciale e nei prossimi giorni sono previsti altri arrivi. Tutte le informazioni utili diffuse dal Centro comunitario Agape

Continuano ad affluire nella regione i profughi in fuga dalla drammatica guerra in Ucraina con il loro carico di sofferenza e le loro richieste di aiuto e vicinanza.

Attualmente, come riporta il Centro Comunitario Agape sono "circa tremila e duecento i profughi giunti in Calabria, di cui circa duemila bambini. In città sono circa 500 ucraini a fronte dei complessivi 700 presenti sull’intero territorio provinciale e nei prossimi giorni sono previsti altri arrivi.

Molti sono ricongiungimenti con familiari già presenti da anni a Reggio, ma non sono mancati i collocamenti in famiglie che si sono aperte all’accoglienza o in appartamenti generosamente messi a disposizione da privati. Da parte loro, alcune parrocchie ed associazioni di volontariato si sono mosse per garantire vitto e vestiario e le altre forme di sostegno e di accompagnamento indispensabili per aiutare i profughi ad ottenere il rilascio del permesso temporaneo di soggiorno, il codice fiscale, l’assistenza sanitaria, l’inserimento scolastico dei bambini". 

In relazione a tali problematiche la Protezione civile, il ministero dell’Interno, l’Asp ed il Tribunale dei Minori hanno già emanato una serie di disposizioni e decreti che non sono facilmente conoscibili dei cittadini ucraini (anche per le difficoltà connesse alla lingua) e che comportano alcune incombenze burocratiche (come, ad esempio, la scelta del medico di base, la richiesta del contributo previsto per ogni adulto e minore) che si rivelano complicate per chi si è visto dall’oggi al domani catapultare in una terra straniera e sconosciuta.

Attivati quattro sportelli di soccorso assistenza e orientamento

Per questi motivi il Comitato per i bambini e le mamme ucraine, promosso dall’Agape assieme ad altri undici organismi tra parrocchie, associazioni e sindacati, che in atto si è fatto carico dell’accoglienza di 30 profughi, ha deciso di aprire quattro sportelli di soccorso assistenza e orientamento per profughi ucraini presenti sul territorio comunale di Reggio Calabria che saranno pubblicizzati anche in lingua ucraina e curati dalla Cooperativa sociale Demetra, l’ufficio Migrantes della diocesi di Reggio Calabria-Bova, dai patronati della Cgil e della Cisl. 

Gli sportelli sono attivi presso la Sede dell’Agape, in via Paolo Pellicano, 21H, previo appuntamento contattando nelle ore ufficio i seguenti numeri : 351.6059757 (Giusy) e 389.5245278 (Iryna - madre lingua ucraina), presso il Centro d’Ascolto Scalabrini in Piazza Sant’Agostino, il martedì, giovedì e venerdì dalle ore 9 alle 12, dal patronato della Cisl di via Mazzini 7/b il lunedì e giovedi dalle 9 alle 12,30, tel.0965/615447/1961743, dal patronato Cgil via S. Lucia al parco 6/a il martedì dalle 15 alle 17 tel.0965/893505

I servizi offerti

Ascolto con rilevazione dei bisogni, supporto nel disbrigo di pratiche amministrative e legali, guida alla fruizione del sistema integrato dei servizi sociali e sanitari del territorio, facilitazione linguistica e mediazione interculturale, orientamento all’accesso scolastico e alle offerte formative.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitato per i bambini e le madri dell’Ucraina: attivati 4 sportelli di ascolto e sostegno

ReggioToday è in caricamento