menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'estradizione è stata eseguita dalla Guardia di finanza

L'estradizione è stata eseguita dalla Guardia di finanza

Guardia di finanza estrada in Italia "lo zio": testa di ponte nei Balcani della cosca Bellocco

Bujar Sejdinaj era sfuggito alla cattura lo scorso anno nell'ambito dell'operazione "Magma", si sarebbe occupato dell'acquisto di 20 chilogrammi di cocaina da importare dalla Spagna

Ieri notte, all’aeroporto internazionale di Fiumicino, è stata conclusa la procedura di estradizione dell’indagato Bujar Sejdinaj, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale reggino il 5 dicembre dello scorso non eseguito in quanto resosi irreperibile all’estero e successivamente arrestato in data 21 luglio 2020, in esecuzione del mandato di arresto europeo ed internazionale, in riferimento al procedimento 5398/16.

Bujar Sejdinaj, accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso e traffico internazionale di stupefacenti, è stato indagato nell’ambito dell’operazione “Magma”, coordinata dal procuratore capo, Giovanni Bombardieri e dal Procuratore Aggiunto Gaetano Paci e condotta dalla Sezione Goa del Gico della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e dallo Scico di Roma, conclusa nel novembre 2019 con l’esecuzione di 45 misure cautelari per associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di stupefacenti, detenzione illegale di armi.

Le attività investigative hanno consentito di destrutturare completamente la cosca di ‘ndrangheta riconducibile ai Bellocco di Rosarno e le sue articolazioni extra regionali, traendo in arresto tutti i membri apicali della famiglia, appartenente al “mandamento tirrenico” e operante nella piana di Gioia Tauro, in Emilia Romagna, in Lazio e in Lombardia.

Il gruppo criminale, articolato su più livelli e dotato di elevatissime disponibilità finanziarie, allo scopo di importare la cocaina, individuava in Sudamerica, in particolare in Argentina e Costarica, fonti di approvvigionamento di ingenti partite di quella sostanza stupefacente da inviare in Italia occultate, per il trasporto navale, in appositi borsoni all’interno di container.

Per tali finalità, uomini della cosca Bellocco si sono serviti di alcuni emissari che hanno effettuato diversi viaggi all’estero – al fine di visionare lo stupefacente e contrattare con i referenti in loco al fine di poter organizzare gli aspetti logistici dell’importazione - e, tra questi, Bujar Sejdinaj, alias “lo zio”, avamposto della ‘Ndrina “Bellocco” nell’area balcanica, il quale partecipava - insieme ad altri sodali - all’organizzazione dell’acquisto in Spagna di circa 20 chilogrammi di cocaina.

L’estradizione di oggi giunge al termine di serrate indagini condotte dal Nucleo Per di Reggio Calabria e dal Servizio centrale investigazione criminalità organizzata di Roma, con il determinante supporto del II Reparto del Comando Generale del Corpo, della Direzione centrale della Polizia criminale, guidata dal Prefetto Rizzi, dal Segretariato Generale dell’Oipc-Interpol di Lione e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con il supporto operativo della Polizia di Stato albanese, nell’ambito del più ampio e prestigioso progetto I-Can (Interpol Coopeperation Against ‘Ndrangheta), promosso dall’Italia insieme ad Interpol che ha consentito, tra l’altro, di rintracciare e catturare in contemporanea, oltre al menzionato, ulteriori 5 soggetti in tre diversi Stati esteri: Albania - Argentina e Costarica.

L’odierna attività evidenzia ulteriormente la linea portata avanti con determinazione dal Procuratore Capo, Giovanni Bombardieri, volta a perseguire e sottoporre a giudizio tutti gli indagati compresi quelli che cercano di sottrarsi alle proprie responsabilità penali riparando anche all’estero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento