Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

"Movida selvaggia", identificati 5 ragazzi protagonisti di una rissa: sanzioni anche ai lidi

Il questore Maurizio Vallone lo aveva promesso e, in pochi giorni, è stato chiuso il cerchio, tre maggiorenni e due minorenni di San Giorgio Extra denunciati per le normative anti Covid

La movida reggina (foto archivio)

La polizia di Stato individua e denuncia 5 ragazzi protagonisti della violenta colluttazione registratasi sulla via Marina bassa. Il questore Maurizio Vallone lo aveva promesso e, in tempi rapidi, è arrivato un giro di vite importante contro la “movida selvaggia".

Le attività di controllo per il rispetto della normativa anti-covid, disposte in sede di Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Massimo Mariani, continuano ad attuarsi in maniera rigorosa tanto in provincia quanto in città, e l’intervento delle Forze dell’ordine rispetto a comportamenti irresponsabili si esplica attraverso l’irrogazione della sanzione amministrativa prevista ex articolo 4 comma 1 del decreto legge numero 19/2020. 

In questo ambito si è particolarmente posta attenzione alla zona del lungomare e alla cd “movida reggina”, correlata alla stagione estiva, che determina la necessità di porre in essere rigorose attività di controllo, quest’anno intensificate per la verifica del rispetto delle norme Covid, a garanzia della libertà di ciascuno di divertirsi, senza porre a rischio l’incolumità e la salute pubblica.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel centro cittadino la sanzione amministrativa è stata elevata nei confronti di 5 soggetti, identificati quali i responsabili di una violenta colluttazione avvenuta nell’area ludica la notte di domenica scorsa. Tra questi 3 sono i maggiorenni e due i minorenni, tutti residenti nella zona di San Giorgio Extra, nella zona sud della città. 

Su indicazione del Comitato ordine e sicurezza pubblica, il questore ha disposto con propria ordinanza l’intensificazione dei servizi di prevenzione e di ordine pubblico nell’intera zona del lungomare, sia nella parte alta che in quella bassa, con l’utilizzo di Reparti inquadrati delle forze dell’ordine e di ben cinque auto pattuglie dedicate esclusivamente a tale settore nelle serate e nelle intere nottate dei fine settimana. 

Le sanzioni ai locali della movida

Il personale della Divisione polizia amministrativa e sociale della Questura, nell’ambito dei servizi predisposti specificamente per i controlli dei locali più frequentati della città, ha sanzionato, secondo la normativa Covid, il “Lido Emilys”, dove non era rispettato il distanziamento sociale, disponendo anche la chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni, ed ha inoltre proceduto amministrativamente per la somministrazione di alcolici a 4 minori. Ai Chioschi Hop e Nice è stata, invece, irrogata la sanzione prevista per emissioni sonore oltre l’orario stabilito.

Nello stesso ambito, gli agenti del Commissariato di Villa San Giovanni, sono intervenuti nei confronti di 7 persone inosservanti le prescrizioni dettate dalla normativa emergenziale. In particolare, a Scilla, gli interessati hanno partecipato ad una cerimonia presso il ristorante “Blu de Toi”, senza osservare il dovuto distanziamento sociale e senza indossare le mascherine, il cui utilizzo è necessario per la propria e l’altrui tutela.

Attraverso le fotografie postate sui social che ritraevano i soggetti partecipanti, è stata accertata la loro identità e la palese violazione delle norme Covide si è proceduto nei loro confronti con la contestazione della violazione amministrativa, così come nei confronti della proprietaria dell’esercizio commerciale ove si è verificata la vicenda. 

"L’importanza di attuare comportamenti responsabili, da parte dei cittadini e degli esercenti le attività produttive, - spiegano dalla Questura - risponde al primario obiettivo di garantire la tutela della salute pubblica, in un momento in cui l’emergenza sanitaria è ancora in atto, ed, anzi, in preoccupante aumento, ed è assolutamente necessario che tutti adottino un atteggiamento di profonda responsabilità nei comportamenti sociali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Movida selvaggia", identificati 5 ragazzi protagonisti di una rissa: sanzioni anche ai lidi

ReggioToday è in caricamento