Domenica, 21 Luglio 2024
Il fatto / Scilla

Giornalismo reggino in lutto, Pietro Bellantoni è morto a soli 42 anni

Il giovane cronista, da poco approdato in Rai, era professionista dal 2009

Giornalismo reggino in lutto. E' morto, a soli 42 anni, il cronista Pietro Bellantoni. Nato a Scilla e professionista dal 2009, Pietro Bellantoni, penna raffinata con una passione per il racconto delle vicende politiche calabresi, ha perso la partita più importante contro una malattia che ne aveva segnato la salute pochi mesi dopo il suo ingresso nella redazione regionale della Rai.

"Pietro – è il ricordo dei colleghi della sede Rai e del Tgr della Calabria – era stato colpito pochi mesi dopo l’ingresso in Rai da una brutta malattia che, però, sembrava aver superato, facendo sperare in un pronto rientro in redazione con cui da professionista qual era, ha continuato a collaborare anche nei momenti più difficili, prima dell’aggravarsi del male che lo ha portato via".

"Nella sede Rai di Cosenza - dicono ancora i colleghi - si era fatto subito apprezzare da colleghi e superiori per la professionalità e i modi gentili e soprattutto per la competenza, in particolare sui temi politici regionali nazionali che sono stati sempre al centro della sua attività giornalistica. Una carriera e una vita troppo brevi ma ricche e intense di soddisfazioni e riconoscimenti, professionali e familiari culminati con l’arrivo di una bambina pochi anni fa". 

Scillese di nascita e reggino d'adozione, Pietro Bellantoni è stato redattore per circa dieci anni al Corriere della Calabria. In passato aveva lavorato nelle redazioni di Torino dei quotidiani La Stampa e la Repubblica e, per la tv, a Studio Aperto. Inoltre, è stato coordinatore dell’ufficio stampa della Regione Calabria durante la giunta Spirlì, e direttore responsabile del sito online Ilreggino. Alla famiglia di Pietro Belllantoni vanno le più sentite condoglianze della redazione di ReggioToday.

I messaggi sui social

Una tristezza infinita ha inondato i profili social. E' quella notizia che mai avresti voluto leggere, diventa palpabile e ti strappa l'anima. In tanti, in queste ore, stanno dedicando un pensiero a Pietro Bellantoni, ricordando il suo modo di fare giornalismo in una terra complicata come la Calabria, la sua amata famiglia, la voglia di libertà in sella alla sua moto, gli amici, i sogni e i desideri di un giovane uomo, garbato ed elegante.

Il post di Nino Spirlì: "Amico, Fratellino, “Colleghino” straAmato e Adorato! Bello come un Angelo, Buono come un Angelo! Penna d’oro del Giornalismo! Grande e Prezioso Collaboratore come Capo del mio ufficio stampa in Regione. Ma, soprattutto, “Famigghjia mia”! Col cuore strappato, lacerato in petto, frantumato dal dolore, mi separo da Te su questa Terra. Da oggi, come da sempre, ci uniremo nel Cuore di Dio! Le mie preghiere saranno per Te, Gioia mia sfiorita sul Sentiero. Mi accompagna la mia Fede in Gesù e sono sicuro che Tu sia già in Paradiso. Mi scriverai da lì. Ti scriverò, per ora, da qui. A Titti, Giulia, i Tuoi Cari, Ninni, va il mio accorato pensiero  Mi mancherai nei prossimi passi del mio ultimo tratto…"

Carlo Parisi, segretario generale della Figec Cisal: "Con Pietro non perdiamo solo l’eccezionale cronista che ha firmato importanti pagine di verità e riscatto per una regione difficile come Calabria, ma soprattutto un uomo vero che nella sua, purtroppo breve esistenza, si è sempre fatto apprezzare per le sue straordinarie doti. Solare, buono, sensibile, gentile, incarnava la speranza del riscatto di una terra che, purtroppo, continua a perdere i suoi figli migliori. Un forte abbraccio a Ketty, alla piccola, alla famiglia e ai colleghi della Tgr Rai Calabria".

Mariarita Sciarrone: "La tristezza immane nell’aprire Facebook stamattina. Resterai lì, tra i ricordi più belli della nostra adolescenza. Nelle ore di ricreazione, tra i corridoi della scuola e i pomeriggi in piazza.
Quando a volte ci capitava di pensare che  la vita fosse ingiusta, ma non sapevamo che anni dopo lo sarebbe stata per davvero. Ciao Pietro".

I funerali

I funerali avranno luogo giovedì 21 settembre, alle ore 15.30, partendo da via Casa Savoia, traversa Pensabene 26 di Gallico Marina per la chiesa San Rocco di Scilla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornalismo reggino in lutto, Pietro Bellantoni è morto a soli 42 anni
ReggioToday è in caricamento