Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Pescatore di frodo "pescato" dalla Capitaneria di porto

Usava bombole e fonti luminose per la caccia subacquea, il pescato è stato donato alle associazioni caritatevoli

Il pesce e l'attrezzatura sequestrata

I militari del nucleo operativo polizia ambientale della Capitaneria di porto di Reggio Calabria, impegnati in un’intensa e sistematica attività di vigilanza delle coste, dopo aver individuato la presenza di fasci di luce nello specchio acqueo antistante il parco lineare sud del comune di Reggio Calabria, hanno seguito ed intercettato all’uscita dal mare un pescatore di frodo intento alla pesca subacquea con bombole e fonti luminose.

Hanno così proceduto all’identificazione ed all’elevazione della sanzione amministrativa, per un importo complessivo di 1.000 euro, oltre al sequestro dell’attrezzatura utilizzata e del prodotto ittico detenuto. Tutto il pescato è stato preso in custodia presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria, e successivamente devoluto in beneficenza agli istituti caritatevoli. L’attività di controllo del territorio proseguirà incessantemente al fine di verificare il rispetto della relativa normativa di settore a tutela dell’ambiente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescatore di frodo "pescato" dalla Capitaneria di porto

ReggioToday è in caricamento