rotate-mobile
L'ordinanza / Palmi

"25mila euro per far cadere l'amministrazione": arrestato un consigliere comunale nel Reggino

In manette anche un sostenitore che lo avrebbe aiutato nel tentativo di corruzione per spingere alle dimissioni un esponente della maggioranza. È quanto emerge dall'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi e condotta dalle Fiamme Gialle di Gioia Tauro

L'obiettivo era chiaro: far cadere l'amministrazione comunale entro il 20 febbraio 2024, termine perentorio entro il quale viene effettuata la ricognizione dei Comuni nei quali occorrerà procedere alle elezioni dei nuovi organi elettivi con la prossima tornata elettorale di giugno.

Per questo un consigliere comunale di minoranza di un Comune della Piana di Gioia Tauro, con l'aiuto di un suo sostenitore, avrebbe promesso venticinque mila euro ad un consigliere della maggioranza in cambio delle sue dimissioni. Si tratta di Fiorenzo Silvestro, di 53 anni, ex sindaco di Maropati, e dell'ex vice sindaco Sebastiano Valenzise, di 76 anni.

 È quanto emerge dall'attività d’indagine coordinata dalla procura della Repubblica di Palmi, diretta da Emanuele Crescenti, e condotta dalle fiamme gialle di Gioia Tauro, che ha permesso di documentare reiterati tentativi di istigazione alla corruzione perpetrati sia direttamente dal consigliere indagato che attraverso il suo sostenitore, nell’ambito di un disegno finalizzato ad influenzare l’onesta e leale volontà di esponenti politici della fazione opposta, anche attraverso la consegna della somma di denaro in contante.

I finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria stanno dando così esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e ad un decreto di sequestro preventivo d’urgenza di 25 mila euro nei confronti di un consigliere comunale di minoranza e di un suo sostenitore, ritenuti responsabili del reato di istigazione alla corruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"25mila euro per far cadere l'amministrazione": arrestato un consigliere comunale nel Reggino

ReggioToday è in caricamento