rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
L'idea

Cultura, la Calabria al Salone del libro per cambiare narrazione

Il presidente Roberto Occhiuto presenta l'idea della Regione: "Una moderna agorà nella quale i visitatori incontreranno e discuteranno con gli editori calabresi"

"Siamo fermamente convinti che il riscatto della Calabria passi anche dal cambio dei registri con cui viene narrata la nostra terra, dentro e fuori i nostri confini; vogliamo toglierci di dosso, con l'azione e lavorando anche sulla percezione che ha l'opinione pubblica, quell'immagine di un popolo che si piange addosso e non fa nulla per migliorarsi. Ecco, quella di Torino sarà una tappa del nostro viaggio verso il definitivo riscatto, per diventare concretamente una Calabria protagonista del proprio futuro".

Così il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, congiuntamente con la vicepresidente Giusi Princi, nel presentare la partecipazione della delegazione della Calabria alla 34esima edizione del Salone internazionale del libro di Torino, che si terrà dal 19 al 23 maggio prossimi. Lo spazio dedicato alla Regione Calabria, che occuperà una superficie di 150 metri quadri e tra i più grandi spazi espositivi di questa edizione 2022, sarà una moderna agorà nella quale i visitatori incontreranno e discuteranno con gli editori calabresi che presenteranno i loro cataloghi e le ultime uscite dei loro autori. La presentazione delle opere degli editori, con un fitto calendario di incontri con gli autori denominato 'La Libreria calabrese', sarà uno dei tratti caratteristici dello spazio calabrese nel Salone del libro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura, la Calabria al Salone del libro per cambiare narrazione

ReggioToday è in caricamento