Salta l'ipotesi di Miozzo, Sofo: "Mattarella intervenga per fermare teatrino vergognoso"

Sfuma anche il nome del coordinatore del Cts come commissario alla sanità in Calabria. Il commento dell'europarlamentare della Lega: "I calabresi non sono italiani di Serie B"

"A quanto pare anche il quinto commissario per la gestione della sanità in Calabria, questa volta individuato in Agostino Miozzo, è saltato per giochi di potere. Se questo circo vergognoso fosse capitato in qualsiasi altra regione d’Italia, sarebbero già saltati premier e ministro alla Salute. Ma siccome accade in Calabria, a chi importa".

Così l’europarlamentare della Lega Vincenzo Sofo ha commentato la recente proposta, subito smentita, di un quinto nome per la gestione della sanità in Calabria. "Il Presidente della Repubblica Mattarella - conclude Sofo - non indugi oltre e intervenga a difesa dei calabresi che sono cittadini italiani tanto quanto gli altri e meritano di essere rispettati e tutelati tanto quanto gli altri".

A quanto si apprende da fonti di maggioranza, Miozzo avrebbe chiesto al premier Giuseppe Conte di poter essere investito dell'incarico avendo poteri in deroga, ma la sua condizione sarebbe stata ritenuta non ricevibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento