rotate-mobile
Controllo del territorio / Bianco

Individuato e fermato il presunto scafista dello sbarco di Capo Bruzzano

I carabinieri hanno bloccato un cittadino kazako che stava provando a far perdere le proprie tracce lungo la Strada provinciale 76

I carabinieri di Bianco hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un cittadino kazako, ritenuto responsabile di essere lo scafista dello sbarco di migranti avvenuto qualche giorno fa a Capo Bruzzano.

I fatti

Di fronte alla scogliera di Capo Bruzzano, era stata avvistata un’imbarcazione a vela con a bordo un elevato numero migranti. Quando i carabinieri sono giunti sul posto, erano già approdati sulla costa bianchese 52 persone, di cui 3 donne e 21 minorenni, tutti di nazionalità afghana, successivamente raggruppati e accompagnati presso la sala consiliare del Comune di Bianco. Nel frattempo, i militari dell’Arma avevano predisposto una fitta rete di ricerca per rintracciare i materiali esecutori della traversata clandestina.

Nelle ore successive, a pochi chilometri dal luogo dove è avvenuto lo sbarco, veniva trovato un uomo di nazionalità kazaka con indosso ancora indumenti bagnati, mentre camminava lungo la Strada provinciale 76, in direzione di Africo Nuovo.

I carabinieri intervenuti sin da subito, insospettiti dall’atteggiamento e dalle risposte fornite dall’individuo, hanno nell’immediatezza posto in essere mirati accertamenti volti a fare chiarezza sulla vicenda, che, grazie anche alle testimonianze di diversi extracomunitari, hanno permesso di identificare il 42enne kazako quale scafista dello sbarco.

Lo stesso, dovrà adesso rispondere di fronte alla procura della Repubblica di Locri, dei reati di ingresso illegale sul territorio nazionale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Individuato e fermato il presunto scafista dello sbarco di Capo Bruzzano

ReggioToday è in caricamento