menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Palazzo Campanella

Palazzo Campanella

Varato il Piano speciale legalità, antiracket e antiusura: De Caprio soddisfatto

La Commissione contro il fenomeno della ‘ndrangheta, della corruzione e dell’illegalità diffusa si è riunita oggi a Palazzo Campanella, il piano si pone "l’obiettivo di agevolare percorsi di cittadinanza attiva ed educazione civica"

De Caprio Antonio-2La Commissione contro il fenomeno della ‘ndrangheta, della corruzione e dell’illegalità diffusa, presieduta dal consigliere Antonio De Caprio (nella foto), ha approvato il Piano speciale legalità, antiracket e antiusura 2021-2022 (Psla), in ossequio all’art. 4 della legge regionale n. 9/2018 che prevede, in capo allo stesso organismo consiliare, la predisposizione annuale del documento.

“Esso rappresenta una sintesi di iniziative da promuovere e da sviluppare sul territorio calabrese per arginare il fenomeno mafioso-criminale”, ha spiegato il presidente De Caprio illustrando il Plsa in Aula.

“Tra i passaggi più significativi - ha sottolineato - l’obiettivo di agevolare percorsi di cittadinanza attiva ed educazione civica e favorire il coinvolgimento degli operatori nelle azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni corruttivi e della criminalità organizzata e ‘ndranghetista, mediante la promozione e la stipula di convenzioni con le scuole e le università calabresi, gli ordini ed i collegi professionali, le organizzazioni sindacali, le associazioni degli imprenditori e di categoria, le cooperative sociali, le organizzazioni di volontariato e le associazioni”.

“Nell’attività che - per le scuole, vedrà coinvolto l’Ufficio Scolastico Regionale - i progetti andranno principalmente a rafforzare il concetto di rispetto della legalità, per promuovere tra gli adolescenti la cultura del giusto, del rispetto delle regole e del senso di responsabilità. La Regione, inoltre, avvierà la realizzazione del progetto ‘Liberi di scegliere’ per attivare percorsi di rieducazione, sostegno e reinserimento sociale dei minori e dei giovani adulti provenienti dai contesti della criminalità organizzata. Fra i diversi interventi che desidero qui richiamare - ha evidenziato il Presidente dell’organismo consiliare - anche la promozione di progetti per favorire un più efficace e completo riutilizzo a fini produttivi e sociali dei beni confiscati alla criminalità attraverso una gestione coerente con la vocazione socio economica ed i bisogni del territorio". 

"Tra gli obiettivi: la riqualificazione ambientale e la rigenerazione sociale ed economica dei contesti caratterizzati da maggiore pervasività e rilevanza dei fenomeni criminali nonché il riuso sociale dei beni confiscati al fine di potenziare infrastrutture e servizi per migliorare la qualità della vita dei cittadini e promuovere l’integrazione sociale delle persone a maggiore rischio di esclusione. C’è la volontà di agevolare il recupero ad uso produttivo e sociale di terreni e fabbricati confiscati per incentivare l’economia rurale ed il recupero del relativo patrimonio; infine, rafforzare la capacità progettuale e gestionale locale sui beni confiscati, mediante azioni di orientamento e accompagnamento alla progettazione di interventi integrati”.

“Auspico - ha concluso De Caprio - che gli obiettivi del Piano possano trovare concreta applicazione. Seppur la criminalità coinvolga un’esigua percentuale di cittadini, essa contribuisce a dare un’immagine distorta della nostra regione. La Calabria è terra di gente onesta e laboriosa, è la terra dei colori, così come amava dire il presidente Santelli”. Ai lavori hanno preso parte i consiglieri Sculco, Paris, Di Natale e Caputo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento