rotate-mobile
La competizione

Olimpiadi di astronomia, si entra nel vivo con la seconda fase verso la finale di Reggio

Nella promozione della gara studentesca è stato importante il ruolo svolto dal planetario Pythagoras della Città Metropolitana

Piccoli astronomi crescono, e tanti di loro si sono fatti valere nel territorio calabrese per le Olimpiadi Italiane di Astronomia, la cui finale sarà ospitata a Reggio Calabria.

Duecentosette giovani calabresi, tutti aspiranti astronomi, sono stati ammissione alla seconda fase delle Olimpiadi Italiane di Astronomia. Novantaquattro nella categoria junior 1, cinquantaquattro nella categoria J2,ventotto nella categoria senior e 31 nella categoria master. Questi giovani astronomi nei giorni 7 e 8 febbraio affronteranno la gara interregionale, che darà l’accesso alla finale di aprile che si svolgerà a Reggio. Per questa XXII edizione hanno aderito 60 scuole della Calabria con 4161 studenti. La risposta delle scuole è stata, come sempre, entusiasta e per questo - come dichiara il professor Pierluigi Veltri, ordinario di astrofisica dell’Università della Calabria e presidente della giuria interregionale, che vanno ringraziati "i dirigenti ed i docenti per la sensibilità e l’attenzione che hanno posto nei confronti dei loro allievi".

Di straordinaria importanza in questa azione di promozione della competizione è il ruolo svolto dal Planetario Pythagoras della Città Metropolitana di Reggio Calabria. "Non è un caso - affermano il sindaco della città metropolitana Giuseppe Falcomatà ed il delegato alla cultura Filippo Quartuccio - che la stragrande maggioranza degli studenti ammessi provengano proprio dal nostro territorio. Un risultato che è il frutto del meticoloso lavoro prodotto in questi anni dal Planetarium, dalla sua responsabile, professoressa Angela Misiano e da tutto il suo staff, che da lungo tempo operano in maniera instancabile e molto proficua consentendo a tante generazioni di studenti di innamorarsi delle materie scientifiche ed in particolare dell'Astronomia e della affascinante arte dell'osservazione e dello studio dei corpi celesti". Il Planetarium si conferma sempre più "un'eccellenza della nostra Città Metropolitana ed ogni anno i risultati conseguiti dai nostri studenti danno ancora più valore a questa brillante attività di divulgazione scientifica nei contesti giovanili".

Le gare interregionali, della durata di due ore e mezza, si svolgeranno simultaneamente in tutta l’Italia e consisteranno in una prova scritta dedicata alla risoluzione di problemi di astronomia, astrofisica e cosmologia elementare.
Al fine di consentire ai giovani di affrontare la gara con serenità ed adeguata preparazione, saranno organizzerà dei corsi, anche in remoto, in cui verranno affrontati tutti gli argomenti oggetto della prova. I campionati italiani di astronomia sono promossi dal ministero dell’Istruzione e del Merito - direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione.

I campionati di astronomia rientrano nel programma delle eccellenze e la Società Astronomica Italiana è tra i soggetti esterni accreditati per collaborare con il Ministero dell’Istruzione e del Merito per la realizzazione di questo programma. I nominativi degli ammessi, con le relative scuole di appartenenza, possono essere visionati sul sito ufficiale dei Campionati di Astronomia https://www.campionatiastronomia.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi di astronomia, si entra nel vivo con la seconda fase verso la finale di Reggio

ReggioToday è in caricamento