Brancaleone, barca con 41 migranti soccorsa al largo dalla Guardia costiera

Sull'imbarcazione anche quattro donne e cinque minori tra cui due bimbi di sei anni. Sono di nazionalità irachena e iraniana. Fermati due presunti scafisti ucraini

L'imbarcazione (foto Ansa)

Nuovo sbarco in provincia di Reggio Calabria. Quarantuno migranti, quattro donne e cinque minori tra cui due bambini di sei anni, di nazionalità irachena e iraniana, sono stati intercettati e soccorsi dalla Guardia costiera al largo di Brancaleone.

I migranti sono arrivati sulle coste calabresi a bordo di una barca a vela di una quindicina di metri,  bloccata dai militari della Guardia costiera a poche decine di metri dalla riva. Subito dopo lo sbarco, i carabinieri di Bianco e gli agenti del commissariato di Siderno hanno posto in stato di fermo due cittadini ucraini ritenuti i presunti scafisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della notte i 41 migranti sono stati trasferiti a Roccella Ionica in un centro di prima accoglienza, messo a disposizione dal Comune e gestito dalla Protezione civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Dentro la 'ndrangheta degli "invisibili" i boss "laureati" in contatto con le istituzioni

  • Boom di guariti a Reggio, il Gom è Covid free: dimesso l'ultimo paziente e sesto giorno a 0 contagi

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

Torna su
ReggioToday è in caricamento