rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
La sentenza

Omicidio Fortunata Fortugno, la Cassazione conferma la condanna per Chindemi

L'uomo dovrà scontare 18 anni di carcere per omicidio e per associazione mafiosa

La Cassazione ha confermato la condanna, della Corte d'Appello di Reggio Calabria,  a 18 anni di carcere per omicidio e per associazione mafiosa a Paolo Chindemi, l'uomo che ha ucciso Fortunata Fortugno,  il 16 marzo 2018 nella periferia nord di Reggio Calabria, vicino al torrente Gallico dove la donna si era appartata con l'amante Demetrio Lo Giudice, ritenuto dalla Dda un esponente di spicco della cosca Tegano.

Di associazione mafiosa rispondevano anche gli altri tre imputati: Ettore Corrado Bilardi (14 anni e 8 mesi di reclusione), Santo Pellegrino (11 anni e 8 mesi) e Pietro Pellicanò (12 anni e 8 mesi). Anche per loro la Suprema Corte ha confermato la sentenza di secondo grado rigettando i ricorsi presentati dagli avvocati.

Chindemi e gli altri imputati, inoltre, sono stati condannati al pagamento delle spese processuali sostenute dai familiari di Fortunata Fortugno e dallo stesso Demetrio Lo Giudice che si sono costituiti parte civile. Era già definitiva, invece, la condanna a 7 anni di carcere inflitta al collaboratore di giustizia Mario Chindemi che ai pm della Dda di Reggio Calabria aveva spiegato che l'obiettivo dell'agguato era quello di rubare l'auto di Lo Giudice che poi sarebbe servita per altre azioni criminali. In sostanza, stando alla ricostruzione della Procura, la donna è stata colpita alla testa con un colpo di pistola sparato da un uomo che ha tentato di uccidere anche Demetrio Lo Giudice il quale, nonostante sia stato ferito a un braccio, è riuscito a mettere in moto il Suv raggiungendo l'ospedale dove Fortunata Fortugno poi è morta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Fortunata Fortugno, la Cassazione conferma la condanna per Chindemi

ReggioToday è in caricamento