Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Gianfranco Musarella lascia il carcere per gli arresti domiciliari

La Corte di Cassazione ha accolto la richiesta avanzata dall'avvocato Tonino Curatola che si era opposto all'ordinanza del Tribunale del riesame che non aveva accolto la tesi difensiva

La decisione è stata assunta dalla Cassazione

curatola avvocato-2Gianfranco Musarella può lasciare il carcere ed accedere al beneficio degli arresti domiciliari. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione accogliendo un ricorso presentato dal legale del 43enne reggino, l’avvocatoTonino Curatola che aveva chiesto l’annullamento dell’ordinanza del Tribunale del riesame reggino che aveva negato l’applicazione dei domiciliari.

Per l’avvocato Tonino Curatola (nella foto): “Quanto affermato dal Tribunale risulta del tutto infondato”. “Dall’ordinanza impugnata - si legge nel ricorso - si deduce, difatti, come l’organo giudicante abbia completamente omesso di prendere in considerazione le argomentazioni indicate nell’atto di impugnazione e di darne contezza ai fini della decisione, limitandosi ad affermare, con una motivazione del tutto scarna, generica e priva di fondamento oltre che in palese violazione di legge, che non sono sopravvenuti elementi concreti tali da far ritenere superate le esigenze cautelari che hanno originariamente dato luogo alla applicazione della misura cui il signor Musarella è sottoposto”.

Per il legale, infatti, il Tribunale del riesame non avrebbe valutato positivamente il comportamento “irreprensibile” del suo assistito durante la vita carceraria, l’esclusione dell’aggravante mafiosa dei reati che ne hanno sancito la custodia cautelare e il periodo di tempo trascorso in carcere. Motivazioni che, invece, sono state accolte dai giudici della “suprema corte” e che hanno consentito a Gianfranco Musarella, assolto dalle accuse nel procedimento "Eremo", di lasciare la detenzione carceraria e ottenere il beneficio dei domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gianfranco Musarella lascia il carcere per gli arresti domiciliari

ReggioToday è in caricamento