Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Sicurezza sul lavoro e taglio ore di formazione, Fillea Cgil: "Scelta allarmante"

L'analisi del segretario generale Simone Celebre

"I cinquecentocinquantanove (559) morti sul lavoro registrati nei primi sette mesi del 2023 e i mille e novanta (1090), in media tre a giorno, comprese le domeniche, Natale, Pasqua e tutte le alte festività, registrati nel 2022, sembra che non abbiano insegnato nulla se è vero come è vero che il governo Meloni, tramite la ministra del lavoro, Marina Elvira Calderone, si appresta a tagliare le ore di formazione sulla sicurezza e sulla salute".

Così Simone Celebre, segretario generale Fillea Cgil Calabria che ribadisce: "Una bozza di provvedimento che, oltre al taglio delle ore di formazione per i settori ad alto rischio e medio rischio, permette a enti, con scarsa o nessuna esperienza, di poter gestire ed erogare la formazione.

Novità che, se confermate avrebbero dell’incredibile. Secondo la bozza che è stata anticipata in questi giorni, infatti, le ore di formazione dovrebbero essere dieci (10) per tutti i lavoratori. Quindi, oltre alle quattro ore base ci saranno altre sei ore per tutti senza differenziare tra settori a rischio basso, medio e alto. Oggi, invece, sono previste, oltre alle quattro ore base, quattro ore per i settori a basso rischio, otto per quelli a rischio medio e 12 per quelli a rischio alto.

Per il settore ad alto rischio il numero totale delle ore di formazione rischia di scendere, quindi, da 16 a 10 e per quelli a rischio medio da 12 a 10 mentre per quelli a rischio basso si avrebbe un aumento da otto a 10. La bozza predisposta dal ministro Calderone prevede, altresì, criteri più facili per l’accreditamento degli enti che possono erogare la formazione, non tenendo per niente conto dell’esperienza maturata sul campo.

Pure incomprensibile è che, nella bozza, si ignori la necessità della formazione per conoscere e tutelarsi dai forti rischi per salute e sicurezza legati al caldo eccessivo e ai mutamenti climatici".

"E come si può, dopo la strage di Brandizzo, - continua Celebre - prevedere che il modulo specifico “Cantiere”, pensato per il dirigente o il datore di lavoro nei cantieri temporanei e mobili, riguardi solo l’impresa affidataria e non l’impresa che effettivamente opera in quei cantieri? Non si è ancora capito, o si va finta di non capire, che è proprio nella catena dei subappalti che si annida il rischio maggiore di incidenti sul lavoro.

La bozza “Calderone”, per noi della Fillea, è un vero attacco alla già debole sicurezza sui luoghi di lavoro. Invece di pensare al potenziamento della formazione dei lavoratori in tema di sicurezza, all’istituzione della “patente a punti” per le imprese che rispettano le norme sulla sicurezza o all’ “omicidio colposo” per le morti nei cantieri, il governo Meloni e il suo ministro al lavoro Calderone pensa alla riduzione delle ore da dedicare alla formazione e come allargare il perimetro degli enti di formazione senza tenere conto della loro reale esperienza".

Per il segretario "la causa degli incidenti sul lavoro è anche frutto di una giustizia penale che in tema di sicurezza sul lavoro non fa più paura a nessuno, perché quei processi per omicidio colposo o lesioni personali colpose finiscono con la prescrizione. Come Fillea Cgil Calabria, intendiamo richiamare l’attenzione degli organi preposti anche sulla delicata questione dell’orario di lavoro e del continuo e illegale ricorso allo straordinario, anche questo è sicurezza.

Temi sui quali come Fillea abbiamo già fatto numerose denunce e segnalazioni agli organi abilitati. Il contratto nazionale prevede al massimo otto ore più due di straordinario al giorno con un riposo di almeno 12 ore e un massimale annuale di ore di straordinario fissato a 250 ore. Ci sono lavoratori che ci parlano di 200 ore lavorate al mese. Per aggirare le norme e pagare meno tasse, le aziende inseriscono in busta paga strane voci come trasferta Italia o vari extra che permettono loro di non assumere altro personale, risparmiando ulteriormente sul costo del lavoro. Ma in questo modo i lavoratori sono spremuti al massimo su cantieri pericolosi".

"Ed anche per questi motivi e non solo, in questi giorni, - conclude Celebre - siamo impegnati nell’organizzazione in tutti i luoghi di lavoro assemblee in vista della manifestazione nazionale “La via Maestra” del prossimo 7 ottobre a Roma, in piazza San Giovanni, per il lavoro sicuro, per una sanità uguale per tutti, per un paese che non sia divisibile in tanti piccoli Stati, per l’introduzione del salario minimo orario e per difendere la Costituzione dagli attacchi che mirano a indebolirne la struttura sui principi cardini, quali l’uguaglianza e parità di diritti tra cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro e taglio ore di formazione, Fillea Cgil: "Scelta allarmante"
ReggioToday è in caricamento